domenica 04 dicembre | 05:04
pubblicato il 07/giu/2013 14:45

Molise: finti ciechi, 4 indagati e sequestro di 250mila euro

Molise: finti ciechi, 4 indagati e sequestro di 250mila euro

(ASCA) - Campobasso, 7 giu - Conducevano una vita normale, svolgendo autonomamente le quotidiane attivita' come attraversare la strada a piedi, lavorare i campi con mezzi agricoli, guidare la macchina con la patente da poco ribnnovata dopo aver superato la visita medica... Eppure percepivano una pensione di invalidita' civile, in quanto ciechi.

Per questo i carabinieri dei Nas di Campobasso hanno notificando 4 avvisi di garanzia - emessi dal G.i.p. del Tribunale di Larino - nei confronti di altrettante persone, per i reati di truffa aggravata e continuata e falso ideologico, con contestuale sequestro preventivo di 250.000 euro. L'indagine - spiega una nota - era nata dalla necessita' di verificare la reale corrispondenza tra l'elevato numero di ''invalidi civili'' in rapporto alla popolazione della Regione Molise. Ne e' emerso che i quattro indagati, incluse due sorelle, beneficiavano illegittimamente del trattamento pensionistico nonche' di indennita' speciale per ''cecita' civile'', essendo riusciti a simulare - attraverso falsi certificati medici attestanti la riduzione del proprio ''visus'' - una situazione di limitazione fisica anche durante i controlli presso le Commissioni medico legali.

com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari