martedì 28 febbraio | 18:06
pubblicato il 28/lug/2012 16:30

Modena a due mesi dal sisma: danni a 150 imprese per 350 milioni

Confindustria: evitare terremoto economico da settembre

Modena a due mesi dal sisma: danni a 150 imprese per 350 milioni

Milano, 28 lug. (askanews) - Il terremoto dello scorso maggio nel Modenese ha provocato danni per 350 milioni di euro a 150 imprese. A due mesi dal sisma la Confindustria tratteggia lo scenario da cui ripartire per non far morire l'economia locale, prospettiva che vale non sono per il modenese ma per tutta la zona colpita dal sisma in cui il totale dei danni ammonta a 10 miliardi di euro.Pietro Ferrari, presidente di Confindustria Modena."La gravità sismica è finita ma il terremoto economico inizia da settembre in avanti"Molti stabilimenti si sono spostati anche di 50 o 60 chilometri riuscendo a non fermare il lavoro."Non ho la sensazione di una delocalizzazione, mi sembra che ci sia tenuta"Da Confindustria però arriva una richiesta precisa al governo: il pagamento dei tributi va rimandato non a settembre 2012 ma a giugno del 2013.

Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Terremoti
Mibact: 73 opere d'arte recuperate nelle zone colpite dal sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech