lunedì 05 dicembre | 13:57
pubblicato il 27/feb/2014 12:31

Moda: Coldiretti, insieme a cibo e' il made in Italy che vola piu' via

Moda: Coldiretti, insieme a cibo e' il made in Italy che vola piu' via

(ASCA) - Roma, 27 feb 2014 - Dalla moda, con il caso Versace, all'alimentare si moltiplicano le operazioni di acquisizione dei gioielli del Made in Italy che trovano in questi settori le loro espressioni migliori. Ad affermarlo e' la Coldiretti nel commentare in una nota l'acquisto da parte di Blackstone, private equity americano, del 20 per cento delle quote della casa di moda italiana, la terza dall'inizio dell'anno a finire nel mirino di investitori stranieri, dopo Krizia e Poltrona Frau. Un fenomeno, quello della vendita di marchi storici del tessuto produttivo italiano, che interessa tutti i settori, dall'agroalimentare fino ai trasporti, ma anche la moda.

Nel 2013 era stata la volta di Loro Piana, finita al gruppo francese Lvmh per 2 miliardi di euro. Alla fine del mese di giugno 2013 la stessa multinazionale del lusso Lvmh aveva acquisito - sottolinea Coldiretti - una partecipazione di maggioranza nel capitale sociale della pasticceria Confetteria Cova proprietaria della societa' Cova Montenapoleone Srl, che gestisce la nota pasticceria milanese. La Lvmh di Bernard Arnault aveva gia' in portafoglio Bulgari ed e' proprietario di Fendi, Emilio Pucci e Acqua di Parma mentre - continua la Coldiretti - la sua rivale francese Ppr di Francois-Henry Pinault controlla Gucci, Bottega Veneta e Sergio Rossi. Il colpo piu' grosso nell'alimentare - evidenzia Coldiretti - i francesi lo hanno messo a segno nel 2011 con la Lactalis che e' stata, invece, protagonista dell'operazione che ha portato la Parmalat a finire sotto controllo transalpino, dopo aver gia' acquisito in passato la Galbani, la Locatelli e l'Invernizzi. Se nella moda gli emiri del Qatar si sono assicurati lo scorso anno lo storico marchio Valentino, assieme alla licenza Missoni, nel settore vitivinicolo quest'anno - continua l'organizzazione di categoria - un imprenditore cinese della farmaceutica di Hong Kong, che ha acquistato per la prima volta un'azienda vitivinicola agricola nel Chianti, terra simbolo della Toscana per la produzione di vino: l'azienda agricola Casanova - La Ripintura, a Greve in Chianti, nel cuore della Docg del Gallo Nero. com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari