lunedì 27 febbraio | 19:54
pubblicato il 20/gen/2011 18:41

Mitili abusivi, maxi sequestro della Finanza a Taranto

Rischio serio per la salute dei consumatori

Mitili abusivi, maxi sequestro della Finanza a Taranto

Era grande quasi quanto un campo di calcio la coltivazione abusiva di mitili scoperta dai sommozzatori del nucleo navale della Guardia di Finanza nel mar piccolo di Taranto. Alcune cime affioranti, nei pressi del ponte di Punta Penna, in una zona demaniale vicino all'area militare, scoperte durante un normale servizio di pattugliamento, hanno insospettito i militari che, facendo un controllo più accurato, hanno individuato l'allevamento abusivo.Complessivamente sono stati sequestrati dalle fiamme gialle circa 10.500 Kg di molluschi. Se fossero stati immessi sul mercato nero, oltre a un arricchimento indebito per i responsabili, ancora non individuati, avrebbero potuto arrecare anche seri danni alla salute dei consumatori perché venduti in violazione del regime comunitario che prevede attenti controlli sulla proveninenza dei prodotti ittici e l'osservanza di rigide norme igienico-sanitarie.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech