martedì 21 febbraio | 15:45
pubblicato il 23/apr/2011 14:17

Mistero sull'omicidio di Carmela Reo, delitto passionale

Per ora i carabinieri non escludono alcuna pista

Mistero sull'omicidio di Carmela Reo, delitto passionale

Ancona, 23 apr. (askanews) - Sono tanti i misteri e tante le ipotesi sull'omicidio di Carmela Reo. Le forze dell'ordine e i sostituti procuratori Umberto Monti di Ascoli Piceno e Greta Aloisi di Teramo, stanno battendo la zona di Colle San Marco alla ricerca di un possibile rifugio dove il corpo della ragazza 29enne trovata morta tre giorni fa potrebbe essere stato portato prima di essere abbandonato in un bosco del teramano. E si cerca anche quell'arma che le ha inferto 35 colpi al tronco e al collo, una lama che sembrerebbe non di quelle usate in cucina quanto quella un coltellino a serramanico. Mistero che si infittisce anche sulla siringa rinvenuta sul corpo della donna all'altezza del seno, contenente un liquido all'esame dei Ris. Dunque se Carmela, detta Melania, non fosse stata uccisa sul posto e fosse stata trasportata lì già cadavere, perchè sarebbe stato necessario narcotizzarla? E' uno dei tanti quesiti irrisolti. Sono poco meno di dieci le persone interrogate dai Carabinieri, tra cui il marito della giovane, il caporal maggiore Salvatore Parolisi, persona informata sui fatti perchè con lei al momento della scomparsa e sentito fino a tarda sera. A quanto pare, la pista del serial killer pian piano si sgonfia e si scandaglia il mondo di quella giovane e bella coppia. Gli inquirenti si concentrano anche sulla seconda sim card trovata a casa della coppia, di cui il marito non era a conoscenza e anche sull'esistenza di un secondo telefonino appartenente probabilmente alla vittima. Una donna bella e curata, così la descrivono a Folignano, paese dove viveva col marito e la figlioletta di 18 mesi; forse è per questo che gli investigatori non escludono la presenza di un uomo che l'avesse adocchiata e forse già importunata in passato, qualcuno che lei poteva conoscere anche solo di vista. Ma trattandosi di un delitto passionale, come riferito dal medico legale Adriano Taglaibracci, anche la pista di un amante poi respinto non viene esclusa dagli inquirenti, che in queste ultime ore lasciano aperti più fronti. In uno di questi c'è anche il marito di Carmela, del quale si sta passando al setaccio la vita, così come quella del suo ambiente militare. Per ora gli investigatori non si sentono di escludere neppure che l'assassino sia una donna, magari mossa da gelosia proprio per via del marito di Carmela. La morte potrebbe anche essere avvenuta molto prima di quanto ipotizzato all'inizio e quindi due o tre ore dopo la scomparsa quel maledetto 19 aprile e non 8 o 9. Anche i cani molecolari sono scesi in campo per fiutare qualche pista durante la ricostruzione del tragitto fatto dalla giovane, allontanatasi dal marito e dalla figlia per andare in bagno in un vicino chiosco, dove però non l'hanno mai vista arrivare. I funerali della donna saranno martedì pomeriggio a Somma Vesuviana, suo paese d'origine.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia