martedì 21 febbraio | 07:21
pubblicato il 22/dic/2014 14:53

Minucci (Ania): Cinque spot ed un fil rouge, "i comandamenti"

A cinema, in tv e web per la sicurezza stradale

Minucci (Ania): Cinque spot ed un fil rouge, "i comandamenti"

Roma, (askanews) - Una campagna di comunicazione etico sociale per la sicurezza stradale, cinque nuovi spot voluti dalla Fondazione Ania già visibili nei cinema e che arriveranno a gennaio in tv e sul web, con la partecipazione di attori professionisti vicini al mondo giovanile e con un fil rouge"i comandamenti", come spiega il presidente della Fondazione e dell'Ania, Aldo Minucci in una intervista negli studi di askanews.

L'obiettivo primario è "legato al fatto che il numero degli incidenti e dei morti e dei feriti è drammaticamente alto nel nostro paese. Noi abbiamo l'illusione che anche grazie ad iniziative come questa si possa incidere sui comportamenti, rilanciando il tema del rispetto delle regole".

In particolare la Fondazione Ania si rivolge ad un pubblico giovane. Di qui la scelta di veicolare gli spot nei cinema, in tv e sul web e sceglierre "un taglio diretto nei confronti dei givoani".

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia