mercoledì 22 febbraio | 17:15
pubblicato il 04/mag/2011 12:39

Milano, truffa a Unione europea da 53 milioni su progetti ricerca

Documenti falsi e fondi destinati ad altri fini: 23 indagati

Milano, truffa a Unione europea da 53 milioni su progetti ricerca

Una truffa da oltre 53 milioni di euro ai danni dell'Unione europea sui fondi per innovazione e ricerca scientifica: è la scoperta fatta dal Nucleo tributario della Guardia di finanza di Milano, che ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini a 23 persone per truffa aggravata nei confronti dell'Unione europea. Sette di loro sono stati denunciate anche per associazione a delinquere. Le indagini sono partite a fine 2008 da una segnalazione dell'Ufficio europeo per la Lotta antifrode e riguardano gruppi transnazionali di enti (pubblici e privati) e imprese: per ottenere i fondi indicavano proposte false e spese inesistenti o gonfiate con falsi documenti, oppure facevano risultare ricercatori persone inesistenti o inconsapevoli. I contributi comunitari venivano poi destinati a fini diversi dalla ricerca. Sotto inchiesta sono finiti 22 progetti.

Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe