lunedì 20 febbraio | 19:15
pubblicato il 15/mar/2011 15:52

Milano, positivo all'alcol e condannato, ma era colluttorio

Alla fine è stato assolto dal Tribunale

Milano, positivo all'alcol e condannato, ma era colluttorio

Milano, 15 mar. (askanews) - Era il 16 marzo 2008, quando G.A., rugbista professionista, insegnante di educazione fisica, donatore di sangue, è rimasto coinvolto in un tamponamento a catena in viale Cenisio insieme ad altre due macchine. Invitato dai vigili a sottoporsi alla prova del palloncino, è risultato positivo: 0,87 grammi per litro alla prima prova e 0,92 alla seconda, quando il limite è di 0,5. Incredulo, ha subito dichiarato di essere da sempre astemio, ma il decreto penale di condanna è stato inevitabile. poi emerso, però, che dopo l'incidente, mentre con i vigili aspettava in un bar una pattuglia che avesse lo strumento per fare il test, aveva utilizzato sia l'Aminomal, uno sciroppo per curare una bronchite cronica asmatica, sia il Listerine, un colluttorio antibatterico. Allora il suo difensore, l'avvocato Alessia Sorgato, ha pensato bene di far svolgere una consulenza tossicologica sui due prodotti per capire se potessero aver alterato il risultato del test. Ebbene sì. La dottoressa Marina C. Caligara della sezione di tossicologia forense dell'Università degli studi ha infatti spiegato che il 96 per cento degli eccipienti dell'Aminomal è costituito da alcol etilico e che una dose della medicina, secondo quanto riporta la scheda tecnica redatta dalla casa farmaceutica che lo produce, ne contiene il 20%, pari a 8,28 grammi 'equivalenti a 200 millilitri di birra e a 83 millilitri di vino'. Scrive l'esperta che "per la presenza di tale quantitativo di alcool, sempre nella scheda tecnica, vi è l'avvertenza di usare precauzione nelle donne in gravidanza e l'allerta che il quantitativo di alcool presente in Aminomal può alterare la capacità di guidare veicoli". Un dato che non viene trascritto nel bugiardino. Quanto al Listerine, secondo la tossicologa è composto da alcool etilico al 21,6 per cento. Tuttavia, "poiché il suo uso è topico, l'assorbimento attraverso la mucosa è irrilevante e inidoneo a determinare valori alcolemici significativi. Può, invece, contribuire a falsare la misura etilometrica per la presenza di residui nel cavo orale". Ebbene, all'esito della consulenza, viste però anche le prescrizioni dei farmaci all'automobilista e le testimonianze che suffragano che l'imputato è astemio, il giudice dell'ottava sezione penale lo ha assolto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia