sabato 10 dicembre | 05:12
pubblicato il 16/mag/2013 12:00

Milano, padre e figlio uccisi in bar: ipotesi diverbi lavorativi

Sparatoria a casate. Carabinieri avrebbero fermato lo sparatore

Milano, padre e figlio uccisi in bar: ipotesi diverbi lavorativi

Roma, 16 mag. (askanews) - Una furibonda lite e poi gli spari. Duplice omicidio all'alba in un bar di Casate, frazione del comune di Bernate Ticino, in provincia di Milano: le vittime sono due uomini, padre e figlio, titolari del locale di via Milano dove è avvenuta la sparatoria. All'origine dell'episodio violento, su cui stanno indagando i carabinieri di Abbiategrasso, ci sarebbero diverbi lavorativi: lo sparatore sarebbe stato un ex dipendente licenziato. L'uomo è stato fermato, pare mentre stesse andando in caserma a costituirsi, ma su questo punto per ora i carabinieri di Abbiategrasso parlano di "verifiche ancora in corso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina