sabato 25 febbraio | 14:30
pubblicato il 13/set/2012 17:47

Milano, duplice omicidio: Spelta colpito 5 volte, la moglie 3

Killer ha colpito coppia con otto proiettili forse con 2 revolver

Milano, duplice omicidio: Spelta colpito 5 volte, la moglie 3

Milano, 13 set. (askanews) - Sono ben cinque i proiettili rinvenuti nel cadavere di Massimiliano Spelta e tre quelli trovati nel corpo di Carolina Ortiz Pajano nel corso degli esami autoptici condotti oggi dalla dottoressa Lavinia Mastroluca all'Istituto di medicina legale di Milano. Dato che i proiettili trovati nel corso degli esami autoptici sono sia calibro 38 che 357, il killer che lo scorso lunedì sera ha freddato la coppia in via Muratori a Milano potrebbe aver utilizzato un secondo revolver, dopo aver sparato l'intero caricatore con la prima arma. Il 43enne originario del mantovano è stato colpito tre volte alla testa poi al femore della gamba sinistra e alla schiena (con un frammento di proiettile che è finito nel polmone destro), mentre la 21enne dominicana (la prima a cadere sotto i colpi dell'assassino) è stata colpita alla testa, al collo e all'altezza dell'orecchio sinistro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech