sabato 10 dicembre | 13:50
pubblicato il 22/mag/2013 16:32

Metanizzazione in Sicilia: "Cosa Nostra è attenta agli affari"

Parla il tenente colonnello Massimiliano Tibollo

Metanizzazione in Sicilia: "Cosa Nostra è attenta agli affari"

Milano, 22 mag. (askanews) - "L'indagine pone in evidenza come cosa nostra sia attenta agli affari, come la metanizzazione in Sicilia": il Tenente colonnello Massimiliano Tibollo fa il punto sulle indagini che hanno portato la Guardia di Finanza di Palermo su spinta della Procura del capoluogo siciliano, al sequesto di 48 milioni di beni alla famiglia Brancato. Il provvedimento rientra nella vicenda della Gas spa, già al centro di inchieste di mafia legate all'ex sindaco palermitano Vito Ciancimino. A finire nella rete dei berretti verdi le figlie Monia e Antonella e la moglie di Ezio Brancato, uno dei due soci della Gas Spa. Il colonnello Stefano De Braco: "La Procura di Palermo, ha ipotizzato il pagamento di tangenti per la concessione di appalti e come "contropartita" di un provvedimento legislativo che previde per le aziende del gas un abbattimento dell'Iva e contributi per i trattamenti pensionistici".

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina