domenica 22 gennaio | 09:11
pubblicato il 06/set/2013 15:33

Messina: accordo su ricerca scientifica tra Ateneo e azienda giapponese

(ASCA) - Roma, 6 set - Si e' svolta stamane nella Sala Senato dell'Universita' di Messina la conferenza stampa per la presentazione dell'accordo di collaborazione scientifica tra il Consorzio di Ricerca Filiera Carni - Universita' di Messina e la Bio Balance Co. Ltd - Japan. Alla conferenza stampa erano presenti il professore Antonino Germana', Prorettore alla Internazionalizzazione, il professor Vincenzo Chiofalo, Presidente del Consorzio Filiera Carni e docente dell'Ateneo Peloritano e il dottor Yoshio Naito, Presidente della Bio Balance. Il prof. Germana' ha sottolineato che ''grazie a questo accordo andra' avanti un progetto di mobilita' tra ricercatori italiani e giapponesi con grande sinergia tra il settore Ricerca e quello dell'Internazionalizzazione e la firma del protocollo sara' funzionale ad un network internazionale che permettera' all'Universita' di Messina di puntare ai Fondi Europei'' .

''La scelta del Consorzio di Ricerca Filiera Carni che ha sede presso l'Universita' di Messina arriva dopo aver valutato altre universita' italiane ed europee - ha affermato Yoshio Naito - la nostra valutazione per le attivita' altamente specialistiche pero' e' ricaduta sull'Universita' di Messina ed in particolare sul Consorzio di Ricerca Filiera Carni per le specifiche competenze , qui abbiamo trovato infatti laboratori tecnologicamente avanzati e risorse umane altamente qualificate con attenzione alle nuove tecnologie per la ricerca sui probiotici che intendiamo utilizzare in campo animale.

La firma dell'accordo di collaborazione e la sottoscrizione di un protocollo puntano ad incrementare la ricerca e l' internazionalizzazione dell'Ateneo. Il Consorzio di Ricerca Filiera Carni che opera all'interno dell'Universita' presso il Dipartimento di Scienze Veterinarie con laboratori tecnologicamente avanzati, innovativi e certificati e' stato scelto da Bio Balance CO.

Ltd azienda con sede a Nagoya in Giappone che opera nel settore dei prodotti per l'alimentazione umana ed animale.

L'accordo raggiunto dal Consorzio di Ricerca ha la durata in questa prima fase di 10 mesi e prevede la realizzazione di analisi in laboratorio e a seguire la parte sperimentale sugli animali presso aziende zootecniche siciliane, per mettere a punto una linea di probiotici per il mercato europeo, gia' realizzati dall'azienda giapponese, ma che necessitano di test e verifiche e dunque sulla produzione e sulla qualita' delle carni per il consumatore europeo.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4