lunedì 27 febbraio | 17:23
pubblicato il 06/set/2013 15:33

Messina: accordo su ricerca scientifica tra Ateneo e azienda giapponese

(ASCA) - Roma, 6 set - Si e' svolta stamane nella Sala Senato dell'Universita' di Messina la conferenza stampa per la presentazione dell'accordo di collaborazione scientifica tra il Consorzio di Ricerca Filiera Carni - Universita' di Messina e la Bio Balance Co. Ltd - Japan. Alla conferenza stampa erano presenti il professore Antonino Germana', Prorettore alla Internazionalizzazione, il professor Vincenzo Chiofalo, Presidente del Consorzio Filiera Carni e docente dell'Ateneo Peloritano e il dottor Yoshio Naito, Presidente della Bio Balance. Il prof. Germana' ha sottolineato che ''grazie a questo accordo andra' avanti un progetto di mobilita' tra ricercatori italiani e giapponesi con grande sinergia tra il settore Ricerca e quello dell'Internazionalizzazione e la firma del protocollo sara' funzionale ad un network internazionale che permettera' all'Universita' di Messina di puntare ai Fondi Europei'' .

''La scelta del Consorzio di Ricerca Filiera Carni che ha sede presso l'Universita' di Messina arriva dopo aver valutato altre universita' italiane ed europee - ha affermato Yoshio Naito - la nostra valutazione per le attivita' altamente specialistiche pero' e' ricaduta sull'Universita' di Messina ed in particolare sul Consorzio di Ricerca Filiera Carni per le specifiche competenze , qui abbiamo trovato infatti laboratori tecnologicamente avanzati e risorse umane altamente qualificate con attenzione alle nuove tecnologie per la ricerca sui probiotici che intendiamo utilizzare in campo animale.

La firma dell'accordo di collaborazione e la sottoscrizione di un protocollo puntano ad incrementare la ricerca e l' internazionalizzazione dell'Ateneo. Il Consorzio di Ricerca Filiera Carni che opera all'interno dell'Universita' presso il Dipartimento di Scienze Veterinarie con laboratori tecnologicamente avanzati, innovativi e certificati e' stato scelto da Bio Balance CO.

Ltd azienda con sede a Nagoya in Giappone che opera nel settore dei prodotti per l'alimentazione umana ed animale.

L'accordo raggiunto dal Consorzio di Ricerca ha la durata in questa prima fase di 10 mesi e prevede la realizzazione di analisi in laboratorio e a seguire la parte sperimentale sugli animali presso aziende zootecniche siciliane, per mettere a punto una linea di probiotici per il mercato europeo, gia' realizzati dall'azienda giapponese, ma che necessitano di test e verifiche e dunque sulla produzione e sulla qualita' delle carni per il consumatore europeo.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech