mercoledì 18 gennaio | 03:05
pubblicato il 24/set/2011 05:10

Meredith/ Pm Mignini: Non ci sono dubbi su assassini Metz

"Su ricostruzione fatti nessun pregiudizio o forzatura"

Meredith/ Pm Mignini: Non ci sono dubbi su assassini Metz

Perugia, 24 set. (askanews) - La prima giornata per le requisitorie nell'ambito del processo d'appello per l'omicidio di Meredith Kercher ieri è stata tutta di marca della Procura che ha calato due assi su tre: ovvero il pm Giuliano Mignini e il procuratore Giancarlo Costagliola. In panchina, ma l'esordio è previsto per oggi, è rimasto il pm Manuela Comodi a cui spetterà nelle prossime ore un compito molto arduo: quello di convincere la Corte d'appello della bontà della perizia dell'accusa sui profili genetici di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, che sarebbero stati riscontrati sulla presunta arma del delitto e sul gancetto del reggiseno della vittima; perizia che proprio in appello è stata messa in discussione da un collegio di periti super partes nominati proprio dalla Corte. Presenti in aula Raffaele Sollecito e Amanda Knox, condannati in primo grado rispettivamente a 25 e 26 anni, entrambi si proclamano innocenti. Il pm Giuliano Mignini e il procuratore Costagliola hanno incentrato le rispettive requisitorie su testimonianze e su prove che hanno definito "concrete", riscontrate nel lungo lavoro investigativo svolto dal 1 novembre 2007 fino alla chiusura delle indagini. "All'inizio del processo in appello - ha affermato il pm Mignini - è stato detta che l'unica certezza era la morte di Meredith Kercher. Quando invece ben 34 magistrati tra indagini preliminari, gip, gup, Cassazione, processo Guede hanno confermato l'impianto dell'accusa e i suoi protagonisti. Se avessi avuto modo di riscontrare che Amanda o Raffaele fossero stati estranei ai fatti avrei chiesto immediatamente l'archiviazione, come ho fatto per Patrick Lumumba". Mignini ha ribadito in aula anche le famose prove al di là dei profili genetici: "L'impronta di scarpa di Sollecito immersa nel sangue della vittima, trovata nel corridoio della casa di via della Pergola, le impronte sparse per la casa di Amanda, che ha trasportato sempre il sangue della vittima nel tentativo di depistare gli inquirenti simulando il famoso furto". Il pm ha poi concluso ribadendo la credibilità dei dieci testimoni che collocano i due ex fidanzati la sera del delitto in via della Pergola. La requisitoria del pm si è chiusa con una frase ad effetto, diretta soprattutto ai giudici civili: "Se avallerete il teorema della difesa, di fatto certificherete la credibilità come testimone di un assassino di bambini come Mario Alessi". Più sobria e meno incisiva sulla ricostruzione dei fatti, la requisitoria del procuratore Costagliola che ha invitato i giudici civili a vestire i panni "dei genitori di Meredith Kercher, prima di dare un giudizio definitivo". Altro aspetto della tesi del procuratore: rafforzare la testimonianza del senzatetto Antonio Curatolo, l'unico testimone oculare che avrebbe visto, seppur sbagliando più volte date, Amanda e Raffaele la notte prima dell'omicidio. Oggi sarà la volta della discussa perizia sui profili genetici che spetterà al pm Comodi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa