martedì 24 gennaio | 01:00
pubblicato il 06/set/2011 19:20

Meredith/ Perito pm: su coltello profilo Metz, no contaminazioni

Il test dell'accusa conferma vecchia perizia

Meredith/ Perito pm: su coltello profilo Metz, no contaminazioni

Perugia, 6 set. (askanews) - Nell'aula della Corte di Appello di Perugia tutto ruota intorno alla prima perizia sulle tracce genetiche rintracciate sull'arma del delitto e su un gancetto di reggiseno della vittima, che ha portato in carcere i due ex fidanzati Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l'omicidio di Meredith Kercher. E oggi la perizia richiesta dal pm Manuela Comodi sembra segnare un due a uno per l'accusa. Anche nell'udienza odierna l'accusa e le difese si sono, infatti, confrontate a colpi di periti - di parte stavolta - sull'attendibilità dei profili genetici attribuiti ad Amanda e Raffaele sulla presunta arma del delitto e su un gancetto di reggiseno della vittima. Dopo la perizia richiesta dalla Corte d'Appello per fare chiarezza che è andata a favore delle difese, il Pm Manuela Comodi ha chiamato a giudicare sul lavoro della dottoressa Patrizia Stefanoni, che curò la prima perizia, il docente universitario di genetica all'Università di Tor Vergata, Giuseppe Novelli. Una testimonianza richiesta dall'accusa e che non ha tradito le aspettative. Secondo i suoi studi i quantitativi di Dna intercettati sui reperti "sono sufficienti con le nuove tecniche per appurare il profilo genetico" ed ha escluso la "contaminazione su coltello e gancetto del reggiseno, dato che non è provabile tecnicamente come richiesto dai protocolli scientifici". In base a questo Novelli ritiene presente sulla lama del coltello il profilo genetico di Meredith Kercher, che invece i periti super-partes avevano escluso a priori, confermando invece che sulla impugnatura c'era Dna sufficiente per individuare la traccia di Amanda Knox. C'è da ricorda che il coltello era utilizzato comunemente - da qui le tracce di amido - da entrambi gli ex fidanzati, qualche dubbio sul gancetto di reggiseno resta dato che il docente Novelli ammette la presenza di "dna misto" dove c'è anche quello di Sollecito. L'avvocato Della Vedova però ha fatto vacillare le sicurezze della accusa e dello stesso Novelli citando in aula un'opera scientifica dello stesso professore che sembra contrastare sulle parole dette in aula. "Nella sua opera si parla di una soglia di 100 picogrammi per avere una identificazione certa del profilo genetico, ma oggi lei parla anche di 20-25 picogrammi, perché?": ha domandato l'avvocato. Risposta: "quella è una soglia convenzionale, standard, ma ci sono nuove tecnologieà". E' rimasta invece ferma nelle sue convinzioni e risultati - che hanno determinato la prima perizia - la biologa Patrizia Stefanoni che, dopo la bocciatura dei periti super-partes, ha poi rivendicato la correttezza delle analisi compiute nei laboratori della polizia scientifica. "Il gancetto del reggiseno venne esaminato - ha spiegato ancora in aula - dodici giorni dopo l'analisi dell'ultima traccia di Sollecito, mentre il coltello considerato come l'arma del delitto è stato lavorato sei giorni dopo l'ultima traccia della vittima. Nulla è stato portato nella stanza di Meredith dall'esterno". In aula sono presenti Amanda Knox e Raffaele Solletico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4