lunedì 05 dicembre | 19:40
pubblicato il 25/lug/2011 14:11

Meredith/ Periti: No tracce su coltello nè quantificazione Dna

Irregolarità nel processo di refertamento

Meredith/ Periti: No tracce su coltello nè quantificazione Dna

Perugia, 25 lug. (askanews) - I periti nominati dalla Corte d'Appello, ascoltati oggi in aula nell'ambito del processo Meredith, hanno ribadito alcune irregolarità nelle procedure di refertamento - atte ad evitare contaminazioni dei reperti - anche nei sopralluoghi all'interno dell'abitazione di Raffaele Sollecito dove fu ritrovata la presunta arma del delitto. "Gli agenti non portavano tute di protezione ed avevano guanti gia utilizzati e quindi sporchi" spiegano i periti. "Inoltre secondo le testimonianze rese in sede di Gup, due agenti hanno ammesso di aver toccato, repertato e sigillato il coltello ritenuta l'arma del delitto. Una situazione poco chiara anche perché uno degli agenti ha spiegato che il coltello è stato sigillato in Questura, mentre un altro - secondo i tabulati - sul posto". Il cambio dei guanti non sarebbe stato sistematico, ma a discrezione sulla base dell'esperienza degli auto dei sopralluoghi. I periti hanno analizzato la perizia precedente alla loro - autrice la dottoressa Stefanoni - non potendo effettuare nuove analisi sul Dna sul gancetto di reggiseno della vittima e sulla presunta arma del delitto perchè "non c'è evidenza di presenza di sangue". Sulla perizia precedente sono state trovate alcune anomalie: nessuna quantificazione del Dna sui reperti ("fondamentale per l'accertamento della traccia e la sua ricoducibilità), nessuna spiegazione sulla decontaminazione dei numerosi reperti oggetto di studio, strumentazioni non adatte per l'analisi del sangue umano. "Dai nostri studi, seppur in assenza di valori certificati, la quantità di Dna è sotto la soglia di analisi prevista dai protocolli standard": hanno spiegato in aula i periti che inoltre hanno aggiunto che sulla punta del coltello non c'è traccia di sangue della vittima, mentre sull'impugnatura c'è materiale genetico (cellule) di Amanda Knox. Dunque i periti non avvalorano la presenza di Dna sui reperti chiave che hanno portano (tra gli altri elementi acquisiti dai Pm Mignini e Comodi) alla condanna di Amanda Knox e Raffale Sollecito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari