venerdì 09 dicembre | 00:03
pubblicato il 31/gen/2014 12:00

Meredith, nuova condanna per Amanda Knox e Raffaele Sollecito

28 anni e sei mesi lei, 25 anni lui, che non potrà espatriare

Meredith, nuova condanna per Amanda Knox e Raffaele Sollecito

Firenze, 31 gen. (askanews) - 28 anni e sei mesi per lui, 25 anni per lei: si ribalta ancora una volta la posizione di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, condannati nel processo di appello bis per l'omicidio di Meredith Kercher, la ragazza inglese uccisa a Perugia il primo novembre del 2007. Dopo undici ore e mezzo di camera di consiglio, e una sentenza annunciata e rinviata quattro volte nell'arco della serata, la corte d'appello di Firenze ha sposato pressoché interamente la sentenza di primo grado. Nel mezzo, c'era stata la sentenza di appello, a Perugia, che aveva invece proclamato l'innocenza dei due imputati, sentenza annullata dalla Cassazione. "Solo per vizi procedurali", hanno sostenuto le difese durante l'appello fiorentino, mentre l'accusa ha puntato il dito contro la "illogicità manifesta" e la "mancanza di fondamento" di quella sentenza che aveva permesso ad Amanda di tornare, libera dopo 4 anni di carcere, negli Stati Uniti, e a Raffaele di aspettare il proprio destino definitivo fuori dall'Italia, spesso, immortalato dai paparazzi, a Santo Domingo. Così, mentre Amanda potrà restare negli Usa, "il suo Paese di origine dove è tornata a seguito di assoluzione di primo grado", per Sollecito i giudici hanno deciso il divieto di espatrio, con il ritiro del passaporto: "cittadino italiano con passaporto italiano, pur dimostrando la partecipazione al giudizio -ha letto il presidente del collegio Alessandro Nencini- ha evidenziato la disponibiltà di supporto logistici in Paesi con i quali lo Stato italiano non è legato da accordi di assistenza giudiziaria e pertanto consiste il concreto pericolo che l'imputato possa sottrarsi alla giurisdizione italiana". Intanto, Amanda Knox, intervistata dalla Abc, si dice "spaventata e rattristata da questa sentenza ingiusta, mi aspettavo di meglio dal sistema giudiziario italiano''. "Annichilito" Raffaele, secondo quanto riportato dai suoi legali. In aula erano presenti anche Lyle e Stephanie, fratelli della vittima, che sono rimasti impassibli durante la lettura della sentenza. Per loro, "non è tempo di festeggiare". La storia non finisce qua perché l'avvocato di Sollecito, Giulia Bongiorno, annuncia che anche questa sentenza sarà impugnata: "siamo pronti ad un ping pong infinito, se necessario".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni