lunedì 23 gennaio | 22:46
pubblicato il 07/set/2011 05:10

Meredith/ Guerra di perizie deciderà destino di Amanda e Raffaele

Difesa contestano esiti su Dna, pm avanti deciso: è tutto chiaro

Meredith/ Guerra di perizie deciderà destino di Amanda e Raffaele

Perugia, 7 set. (askanews) - Il verdetto di assoluzione o di condanna per Amanda Knox e Raffaele Sollecito, già in carcere per l'omicidio di Meredith Kercher, passerà quasi esclusivamente dai dubbi o dalle certezze emerse dalla prima perizia sulle tracce di Dna; perizia vista, approvata, rivista, bocciata, ora difesa dall'accusa e messa invece sotto accusa dalle difese. Nell'udienza di ieri le controanalisi del professor Giuseppe Novelli, perito dell'università di Tor Vergata nominato dal pm Manuela Comodi, hanno confermato i risultati della prima perizia, condotta dalla biologa Patrizia Stefanoni per conto della procura e sulla quale si è fondato il giudizio di colpevolezza in primo grado. Riabilitando così quella prima perizia che era stata invece sconfessata dalla seconda, quella super partes disposta dalla corte di appello di Perugia e che aveva riaperto spiragli per Amanda e Raffaele. Non è d'accordo con Novelli, invece, il consulente di Amanda e Raffaele, Adriano Tagliabracci, che non ha dubbi e continua a puntare il dito sulla perizia della Stefanoni: "Procedura non corretta nell'analisi del materiale sul gancetto di reggiseno indossato da Meredith Kercher sul quale è stato trovato il Dna della studentessa inglese misto a quello del giovane pugliese". Contaminazione allora. No, decisamente no per il Pm Manuela Comodi che ha difeso i risultati della biologa Stefanoni, insieme al suo consulente Giuseppe Novelli secondo cui è stata usata una "procedura secondo standard, precisa e chiara". Novelli ha detto di più: "Non c'è la controprova di un contaminante nei reperti". Scontro anche sulla quantità minima di Dna per individuare con certezza il profilo genetico. La perizia super partes indica i 100 picogrammi a fronte dei 25 di quelli esaminati dalla scientifica. Per Novelli con le nuove tecnologie "si possono individuare intorno ai 20-25 picogrammi". Dal canto suo il perito delle difese Tagliabracci fa un affondo anche su questo punto: "Alcune interpretazioni sono state piegate alle esigenze dell'accusa. Valutando in altra maniera gli stessi elettroferogrammi si ottiene un profilo diverso da quello di Sollecito, di uno sconosciuto". Ma il Pm Comodi, in conclusione, taglia corto: l'intervento del consulente, Giuseppe Novelli, "è stato altrettanto chiaro e decisamente incisivo, direi definitivo". 062038 SET 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4