lunedì 20 febbraio | 03:05
pubblicato il 30/lug/2011 20:29

Meredith, Bongiorno: Dna su luogo del delitto non è di Sollecito

La mamma di Amanda: "Lei vorrebbe che tutto finisse"

Meredith, Bongiorno: Dna su luogo del delitto non è di Sollecito

Sul luogo del delitto di Meredith Kercher non c'è il Dna di Raffaele Sollecito: lo sostiene Giulia Bongiorno, avvocato del ragazzo condannato in primo grado insieme ad Amanda Knox per l'omicidio, al termine di un'udienza davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Perugia.I periti super partes nominati dalla Corte hanno smontato la perizia dell'accusa con nuove analisi: spiegazioni insufficienti per Francesco Maresca, avvocato della famiglia Kercher. I nuovi dettagli fanno ben sperare Amanda Knox, come spiega la madre Edda Mellas. "E' difficile, perchè lei si accorge che le cose stanno andando bene e che ci sono dei ritardi, ora che emergono nuove prove che abbiamo chiesto da sempre. dura, perchè lei vorrebbe che tutto finisse". Il contraddittorio in aula tra il pm e i periti è stato teso proprio sul profilo genetico riscontrato sui reperti chiave, che hanno portato alle condanne in primo grado, la presunta arma del delitto e il gancetto del reggiseno. La prossima udienza è fissata per il 5 settembre prossimo.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia