domenica 04 dicembre | 13:45
pubblicato il 05/ott/2011 07:07

Meredith/ Amanda a Seattle, accoglienza trionfale

Poche parole in lacrime: "Mi dicono di parlare inglese"

Meredith/ Amanda a Seattle, accoglienza trionfale

New York, 5 ott. (askanews) - Amanda Knox è arrivata a Seattle ieri sera, accolta come un'eroina. Le prime parole che ha pronunciato in pubblico, in una conferenza stampa all'aeroporto, sono state "mi ricordano di parlare in inglese perché ho dei problemi a farlo". Un'ora dopo essere scesa dal volo British Airways 49 da Londra, alle 16.30 locali (l'una e mezza di stamattina in Italia), ha parlato per un paio di minuti di fronte a 150 giornalisti: "Sono sommersa dalle emozioni. Guardavo dall'aereo e sembrava che niente fosse vero". Commossa, piangendo a tratti, ha concluso il suo breve intervento dicendo "per me è importante dire grazie a tutti quelli che mi hanno creduto, che mi hanno difeso e sostenuto la mia famiglia". Dopo di lei ha parlato la madre Edda Mellas: "Non riusciremo mai a ringraziare tutti uno per uno, questo è l'unico modo che abbiamo di dire grazie", seguita dall'ex marito e padre di Amanda, Curt Knox: "Non ce l'avremmo mai fatta senza tutti voi che ci avete sostenuto". L'arrivo di Amanda è stato un vero evento cittadino, anche in una metropoli come Seattle. Le tv locali hanno dedicato dirette all'evento dopo aver coperto in maniera capillare il processo d'appello che l'ha vista assolta, e le tv americane e straniere (compresa la Rai, con l'inviata del Tg2 Manuela Moreno intervistata dal maggiore giornale locale, il Seattle Times) erano presenti in forze. Negozi e luoghi pubblici espongono cartelli che dicono "Welcome home Amanda!", bentornata a casa. "Abbiamo seguito tutti da vicino la sua storia e il suo viaggio", ha detto al Seattle Times Dinah Brein, direttrice dell'Admiral Theater, che esponeva il benvenuto ad Amanda sulla locandina. I passeggeri che erano sul volo da Londra con Amanda e la famiglia hanno raccontato che i Knox erano sul ponte superiore del Boeing 747, in business class. A bordo c'erano diversi giornalisti, che però l'equipaggio ha individuato e tenuto lontano dal ponte superiore bloccando la scaletta interna. L'equipaggio ha poi detto alla stampa che Knox e la famiglia sono stati fatti scendere prima degli altri passeggeri e portati alla dogana separatamente con un camioncino. Quanto al luogo dove si trova ora la figlia, Curt Knox, intercettato dai cronisti di fronte a casa sua nel quartiere di West Seattle, è stato secco: "Vi garantisco, non la troverete".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari