sabato 25 febbraio | 17:13
pubblicato il 26/feb/2013 08:41

Medici: Milillo, condanna su caso Iene ma buonuscita da considerare

Medici: Milillo, condanna su caso Iene ma buonuscita da considerare

(ASCA) - Roma, 26 feb - ''Rispetto a comportamenti dei medici come quelli ripresi nel servizio televisivo, non rispettosi delle leggi ne' della deontologia, non ci puo' essere che una ferma condanna''. Lo afferma oggi su DoctorNews33 Giacomo Milillo, segretario generale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg), riferendosi a quanto trasmesso nell'ultima puntata de ''Le iene'': tre medici in procinto di andare in pensione che, di fronte a un ''finto'' giovane collega desideroso di subentrare nella loro attivita', chiedevano in cambio una ''buonuscita'' di entita' non trascurabile. ''In ogni caso'' sottolinea Milillo ''non ritengo che si tratti di un fenomeno generalizzato e forse i casi ripresi sono frutto di segnalazioni specifiche'', sottolinea Milillo, che pero' aggiunge: ''Come sindacato non possiamo negare l'esigenza per un medico - soprattutto in fasi di grave sofferenza economica come l'attuale - di avere, nel momento in cui si lascia la professione e uno studio - che e' un punto di riferimento - di avere una forma di buonuscita, ma assolutamente non a carico di chi subentra''. In altre parole, Milillo evidenzia come sia legittimo ''il desiderio, da parte del medico che lascia la professione, di avere un riconoscimento economico, non del lavoro svolto, ma del valore dello studio, che e' il risultato di un lavoro condotto in modo continuo per tanti anni, e della messa a punto di un modello organizzativo assistenziale.

''Su questa problematica si sta, infatti, riflettendo'' riprende Milillo ''puntando a sistemi assicurativi o previdenziali o della fornitura dei fattori di produzione, per cercare soluzioni a oggi non trovate. Queste, pero', potranno piu' facilmente realizzarsi in futuro, quando non sara' piu' il singolo medico a gestire lo studio, ma una squadra di medici che potranno ricevere un indennizzo all'uscita dalla Convenzione dopo aver effettuato versamenti alla cassa o a un'assicurazione privata''. In ogni caso, dice Milillo, questo tema non e' un problema prioritario:''Si tratta di un'esigenza diffusa per cui si cerca di una risposta lecita e condivisa, che deve avere un senso positivo per il sistema''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech