lunedì 20 febbraio | 01:37
pubblicato il 17/set/2013 17:01

Maxi-operazione anti-droga nel Palermitano: 8 arresti

La mafia gestiva direttamente mercato spaccio di marijuana

Maxi-operazione anti-droga nel Palermitano: 8 arresti

Palermo, (askanews) - La mafia nel Palermitano allunga di nuovo le mani sul mercato della marijuana: dalla coltivazione in piantagioni, allo spaccio con veri e propri centri di stoccaggio. Una importante operazione dei carabinieri di Monreale ha fatto luce sugli interessi di Cosa nostra nei confronti del redditizio mercato della droga. Scoperte tre piantagioni organizzate come fossero vere e proprie aziende agricole. Una indagine difficile come spiega il Procuratore aggiunto Maria Teresa Principato. "Piccole e gradi piantagioni nascoste tra gli alberi, tra la vegetazione. E con il timore di essere scoperti dai colpevoli".L'operazione dei carabinieri che ha portato all'arresto di otto persone è una costola dell'indagine "Nuovo Mandamento", che ha documentato la riorganizzazione territoriale di Cosa nostra nella parte occidentale della provincia di Palermo. Sequestrati oltre 50 chili di marijuana, da cui i padrini volevano ricavare 50 mila dosi, per un valore di oltre 350mila euro. I proventi dello spaccio servivano per mantenere le famiglie dei detenuti e per pagare i nuovi affiliati ai clan.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia