sabato 10 dicembre | 12:40
pubblicato il 19/dic/2013 12:01

Matrimoni: Istat, tornano a crescere. Rito religioso piu' gettonato

(ASCA) - Roma, 19 dic - Dopo quattro anni di calo consecutivo torna a crescere il numero di matrimoni in Italia: nel 2012 ne sono stati celebrati 210.082 (contro i 204.830 del 2011); di conseguenza, il tasso di nuzialita' passa da 3,4 a 3,5 per mille. Anche se invariato rispetto all'anno precedente (4,1 per mille), il tasso di nuzialita' del Mezzogiorno supera la media nazionale. E' quanto rileva l'Annuario Istat.

Prosegue invece il calo dei matrimoni religiosi (123.428 contro i 124.443 di un anno prima), che restano la scelta piu' diffusa (58,8% contro 60,8% nel 2011) anche se sono sempre di piu' le coppie che decidono di sposarsi con il rito civile (+7,8% rispetto al 2011). Nel Nord prevalgono i riti civili, 53,5% (la media nazionale si attesta al 41,2%), al Centro sono piu' o meno pari (49,8%) mentre nel Mezzogiorno quasi tre matrimoni su quattro sono celebrati in chiesa.

A livello internazionale nel 2011 l'Italia si conferma uno dei paesi con la nuzialita' piu' bassa, 3,4 matrimoni per mille abitanti; solo Bulgaria (2,9 per mille), Slovenia (3,2 per mille) e Lussemburgo (3,3 per mille) hanno un quoziente di nuzialita' inferiore al nostro.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina