lunedì 16 gennaio | 16:33
pubblicato il 30/mag/2013 18:35

Matrimoni gay: card. Bagnasco, vulnus grave alla famiglia

(ASCA) - Genova, 30 mag - Il matrimonio omosessuale, come quello celebrato ieri in Francia, ''e' un vulnus grave alla famiglia che, ovunque nel mondo, non solo nel nostro Paese, e' il presidio dell'umano dove i bambini vengono non solo concepiti e generati ma educati, come e' diritto e dovere primario e fondamentale dei genitori. Un papa' e una mamma che, nella loro completezza di personalita', danno ai propri figli un'educazione integrale nella liberta' di ciascuno''.

Lo ha dichiarato l'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco a margine di una presentazione presso il Museo diocesano di Genova. Il cardinale, riferisce il Sir, ha poi ribadito il punto di vista dei vescovi italiani in merito al riconoscimento giuridico delle coppie di fatto non solo omosessuali: ''L'assicurazione circa i bisogni, i desiderata, i diritti individuali sono gia' assicurati dal diritto civile senza la necessita' di creare un nuovo soggetto di diritto''. dab/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow