venerdì 24 febbraio | 07:35
pubblicato il 24/apr/2012 19:30

Matera, azienda italiana di divani clonata dai cinesi

Sequestrato in un container carico da 40mila euro

Matera, azienda italiana di divani clonata dai cinesi

Matera, (askanews) - Un'intera azienda italiana di divani contraffatta dai cinesi. La Guardia di Finanza di Matera ha scoperto in un container arrivato dalla Repubblica popolare cinese un carico di divani dal valore di 40mila euro. Insieme a cuscini, braccioli e spalliere c'erano anche depliant e loghi pronti per essere applicati sulla merce che riproducevano il marchio registrato di un'azienda di Matera specializzata in divani.Secondo le Fiamme Gialle la merce è stata prodotta da una multinazionale cinese che poi commercializza i mobili contraffatti non solo in Italia, ma anche in altre nazioni con prezzi ovviamente molto più bassi rispetto agli originali. Quindi la Procura ha avviato le indagini per ricostruire le dimensioni del fenomeno che si teme possano essere tali, su scala nazionale ed internazionale, da aver creato danni a tutto il settore del mobile nel materano già provato dalla crisi.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech