venerdì 09 dicembre | 13:18
pubblicato il 21/ott/2013 20:49

Maro': Prima l'Italia, blitz in Campidoglio. Ricollocata gigantografia

(ASCA) - Roma, 21 ott - Esponenti, militanti e simpatizzanti di Prima l'Italia, il movimento politico fondato da Gianni Alemanno, hanno manifestato questo pomeriggio in Piazza del Campidoglio contro la decisione del sindaco Ignazio Marino di rimuovere la gigantografia dedicata ai due Maro' ancora detenuti in India. Gli esponenti di Prima l'Italia, tra cui anche Isabella Rauti, Francesco Biava, Felice Costini, hanno nuovamente esposto su Palazzo Senatorio una gigantografia raffigurante i due soldati Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, identica a quella voluta dall'Amministrazione precedente e che il sindaco Marino ha fatto rimuovere nei giorni scorsi.

''La rimozione della stampa, esposta durante l'amministrazione Alemanno e che fino a poco tempo fa campeggiava sul Campidoglio - affermano in una nota - rappresenta un gesto oltraggioso oltre che assolutamente incomprensibile. Questa azione dimostrativa nasce per manifestare pieno dissenso verso un'amministrazione che tenta di politicizzare anche quelle cause civili e sociali che sono patrimonio della gente, del popolo, e che tali dovrebbero restare. Come quella dei Maro', il cui caso e' diventato ormai di dominio internazionale, su cui si dovrebbe continuare a tenere alta l'attenzione. Prima l'Italia non puo' accettare che una questione cosi' importante, che non dovrebbe avere colore politico ne' partitico, divenga capro espiatorio di politiche governative di discutibile e dubbia rilevanza''. ''La nostra presenza qui in piazza oggi - spiega Francesco Biava, segretario di Prima L'Italia - nasce come segno di protesta contro la vergognosa azione del sindaco Marino che ha rimosso le gigantografie dedicate ai Maro', oltre che quelle di Sakineh e Yulija Timochenko. Sottolineiamo, tra l'altro, che mentre con la precedente amministrazione chiunque poteva manifestare in Piazza del Campidoglio, oggi noi siamo stati fermati dalla Polizia Municipale proprio mentre esponevamo lo striscione''. ''Tradizionalmente gli stendardi in questa piazza vengono rimossi quando le questioni si sono risolte - ha denunciato Isabella Rauti, membro del direttivo di Prima l'Italia -. E' successo per Shalit e per Rossella Urru. L' idea e' che in questa piazza ci sia e resti lo stendardo dei nostri Maro', che sono detenuti ingiustamente e che devono essere giudicati dal tribunale di competenza che non e' quello indiano. Prima L'Italia - ha concluso la Rauti - nata poco tempo fa, ha pensato di portare a termine questa iniziativa perche' trova vergognoso che sia stato rimosso lo stendardo dei Maro' mentre la loro vicenda e' ancora in corso''.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina