giovedì 19 gennaio | 08:23
pubblicato il 21/ott/2013 20:49

Maro': Prima l'Italia, blitz in Campidoglio. Ricollocata gigantografia

(ASCA) - Roma, 21 ott - Esponenti, militanti e simpatizzanti di Prima l'Italia, il movimento politico fondato da Gianni Alemanno, hanno manifestato questo pomeriggio in Piazza del Campidoglio contro la decisione del sindaco Ignazio Marino di rimuovere la gigantografia dedicata ai due Maro' ancora detenuti in India. Gli esponenti di Prima l'Italia, tra cui anche Isabella Rauti, Francesco Biava, Felice Costini, hanno nuovamente esposto su Palazzo Senatorio una gigantografia raffigurante i due soldati Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, identica a quella voluta dall'Amministrazione precedente e che il sindaco Marino ha fatto rimuovere nei giorni scorsi.

''La rimozione della stampa, esposta durante l'amministrazione Alemanno e che fino a poco tempo fa campeggiava sul Campidoglio - affermano in una nota - rappresenta un gesto oltraggioso oltre che assolutamente incomprensibile. Questa azione dimostrativa nasce per manifestare pieno dissenso verso un'amministrazione che tenta di politicizzare anche quelle cause civili e sociali che sono patrimonio della gente, del popolo, e che tali dovrebbero restare. Come quella dei Maro', il cui caso e' diventato ormai di dominio internazionale, su cui si dovrebbe continuare a tenere alta l'attenzione. Prima l'Italia non puo' accettare che una questione cosi' importante, che non dovrebbe avere colore politico ne' partitico, divenga capro espiatorio di politiche governative di discutibile e dubbia rilevanza''. ''La nostra presenza qui in piazza oggi - spiega Francesco Biava, segretario di Prima L'Italia - nasce come segno di protesta contro la vergognosa azione del sindaco Marino che ha rimosso le gigantografie dedicate ai Maro', oltre che quelle di Sakineh e Yulija Timochenko. Sottolineiamo, tra l'altro, che mentre con la precedente amministrazione chiunque poteva manifestare in Piazza del Campidoglio, oggi noi siamo stati fermati dalla Polizia Municipale proprio mentre esponevamo lo striscione''. ''Tradizionalmente gli stendardi in questa piazza vengono rimossi quando le questioni si sono risolte - ha denunciato Isabella Rauti, membro del direttivo di Prima l'Italia -. E' successo per Shalit e per Rossella Urru. L' idea e' che in questa piazza ci sia e resti lo stendardo dei nostri Maro', che sono detenuti ingiustamente e che devono essere giudicati dal tribunale di competenza che non e' quello indiano. Prima L'Italia - ha concluso la Rauti - nata poco tempo fa, ha pensato di portare a termine questa iniziativa perche' trova vergognoso che sia stato rimosso lo stendardo dei Maro' mentre la loro vicenda e' ancora in corso''.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina