sabato 03 dicembre | 17:12
pubblicato il 05/set/2014 18:03

Marino: un tram trasparente nel centro archeologico di Roma

Il progetto del Parco Archeologico Urbano

Marino: un tram trasparente nel centro archeologico di Roma

Roma (askanews) - Il ministro della cultura Dario Franceschini ha dato il via a una commissione sul parco archeologico urbano di Roma e il sindaco della capitale Ignazio Marino pensa a una grande isola pedonale con un tram trasparente"Ricordo che la prima volta che se ne discusse a livello parlamentare fu il 14 luglio del 1887, il ministro Guido Baccelli allora disse che bisognava svilupparlo, siamo a oltre 125 anni da quella data, credo sia il momento di farlo"."Io ho detto che immagino debba essere considerata la pedonalizzazione di via dei Cerchi, in modo da includere nell'area pedonale dei Fori Imperiali oltre al Colosseo e al Palatino anche il Circo Massimo e abbiamo accennato a un'ipotesi che, lo voglio dire con molta chiarezza, non è né in competizione né alternativa alla metropolitana, di un tram della cultura, dell'archeologia che da via Labicana arrivi a piazza Venezia con le pareti assolutamente trasparenti che dia la possibilità di attraversare un'area archeologica finalmente chiusa completamente a qualunque mezzo a motore e che sia attraversata invece da un tram elettrico al servizio non solo dei cittadini ma anche dei turisti e delle turiste per vedere la nostra archeologia".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari