sabato 10 dicembre | 14:04
pubblicato il 13/dic/2013 16:25

Marina: De Giorgi, con 25 nuove navi in 10 anni 25mila posti lavoro

Marina: De Giorgi, con 25 nuove navi in 10 anni 25mila posti lavoro

(ASCA) - Castellammare di Stabia (Napoli), 13 dic - Radiare, come si dice in linguaggio militare, o dismettere buona parte delle navi della Marina Italiana e' un obbligo, imposto dalla necessita' di ammodernamento della flotta. Un percorso che - secondo il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi, puo' portare, se ben gestito anche ad un consistente aumento di posti di lavoro. Il ragionamento e' semplice: ''in Italia ci sono cantieri con maestranze esperte nella costruzione di navi, come quelle di Castellammare di Stabia che oggi ospita l'ultimo ammaina bandiera di Nave Artigliere. Per la cantieristica militare il coefficiente di occupazione e' di 1 a 10, ovvero per una persona occupata direttamente in cantiere ce ne sono altre 10 per ulteriori necessita''. Servono, infatti, arredatori, idraulici, elettricisti, professioni che possono, a livello sociale, dare linfa a moltissime famiglie. In particolare, De Giorgi calcola che con la costruzione di 25 navi in dieci anni si possa arrivare a 25mila posti di lavoro. L'ulteriore ragionamento riguarda il risvolto economico del costruire nuove navi: ''Per ogni euro investito c'e' un coefficiente di redditivita' pari a 3,43 con un investimento che ritorna allo Stato per il 50% circa fra tasse e accise, ed un ulteriore vantaggio costituito dalla cassa integrazione non erogata''.

Quindi, investendo, teoricamente, 10 miliardi, allo Stato ne tornerebbero 50 sotto forma di tasse e ben 4 sarebbero risparmiati evitando la Cig. L'ultima riflessione riguarda un altro aspetto importante che sta a cuore al Capo di Stato Maggiore della Difesa: il reclutamento. La carenza di navi, se ne fossero costruite altre, porta gia' oggi ad un calo di uomini impiegati negli equipaggi (fra ufficiali, sottufficiali e marinai).

''Passeremo in breve tempo da 34mila a 26mila persone - spiega - in sostanza 12mila pensionati non saranno sostituiti''. Questo si ripercuote sul reclutamento'? ''Si', per questo e' necessario investire nella Marina''. Al termine della cerimonia un rappresentante dei lavoratori dei cantieri di Castellammare di Stabia si e' avvicinato a De Giorgi ringraziandolo per quanto sta facendo anche per la cittadina stabiese e rinnovando l'invito a ''non lasciarci soli''. Castellammare ha gia' ricevuto una commessa per 2 pattugliatori. ''Ma solo due non bastano - insiste l'uomo - chiedo a lei, uomo del Sud, di aiutarci per mantenere il lavoro nella nostra citta'''.

dqu/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina