martedì 17 gennaio | 08:56
pubblicato il 03/apr/2013 19:56

Mare: MinAmbiente, strage delfini. Sale a 94 numero stenelle morte

Mare: MinAmbiente, strage delfini. Sale a 94 numero stenelle morte

(ASCA) - Roma, 3 apr - Sono 94 gli spiaggiamenti accertati di esemplari morti di stenella striate (stenella coeruleoalba). L'ultimo caso censito dalla Bds (Banca dati spiaggiamenti) risale al 31 marzo vicino a Talamone (Grosseto). E' quanto rende noto il ministero dell'Ambiente, precisando che al momento i principali indagati della straordinaria moria cominciata a inizio d'anno rimangono il morbillo (morbillivirus delphini) e il batterio photobacterium damselae, anche se l'importanza data in precedenza al morbillo sembra diminuire in seguito alle ultime scoperte dei ricercatori del Cert (Cetaceans stranding emergency response team).

Le strutture di ricerca e analisi intervenute fanno parte del servizio allestito dai ministeri dell'Ambiente e della Salute con la collaborazione della Guardia costiera, degli Istituti zooprofilattici, di diverse universita' e di altre organizzazioni.

Nel dettaglio, il virus e' stato rintracciato in circa il 35% delle carcasse finora analizzate (aveva sofferto il morbillo circa il 50% dei delfini trovati nelle prime settimane dell'anno). Inoltre - nonostante la presenza del virus del morbillo su diversi animali morti - durante le autopsie non sono state riscontrate le lesioni ai tessuti tipiche delle infezioni mortali.

I ricercatori al momento sembrano concentrare le loro attenzioni sul fatto che tutte le stenelle ritrovate finora presentano un quadro immunitario fortemente compromesso. Inoltre la popolazione di stenelle presenti nelle nostre acque e' notevolmente aumentata nel corso degli ultimi anni invadendo habitat un tempo occupati dal delfino comune (delphinus delphis, scomparso dalle acque italiane nel corso degli ultimi 10 anni e migrato in aree estreme come il mar Egeo e le acque adiacenti lo stretto di Gibilterra). E' dunque possibile che l'aumento demografico abbia esposto le stenelle a habitat costieri con acque meno salubri rispetto al mare aperto. In quasi tutti gli animali analizzati non sono state trovate tracce di cibo nello stomaco. Le stenelle si cibano prevalentemente di piccole prede come naselli, seppie, calamari e sogliole, tutte specie soggette a attivita' di pesca intensiva. Quindi, stando a queste nuove ipotesi, si potrebbe affermare che non si tratterebbe piu' di una sola causa scatenante, ma di una serie di concause: precisamente, la somma di un aumento della popolazione di stenelle; scarsita' di cibo a causa della pesca intensiva; e il poco cibo disponibile, piu' inquinato a causa dell'invasione di habitat costieri.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello