domenica 19 febbraio | 16:05
pubblicato il 19/apr/2013 14:10

Mare: MinAmbiente, rallenta strage delfini. Confermata ipotesi morbillo

(ASCA) - Roma, 19 apr - Una buona notizia: frena bruscamente la strage di cetacei nei mari italiani e si avviano cosi' a conclusione le complesse ricerche degli scienziati della Rete nazionale spiaggiamenti mammiferi marini nata dalla collaborazione del ministero dell'Ambiente con il ministero della Salute, per trovare risposte alla moria di delfini della specie stenella striata (stenella coeruleoalba) che ha colpito le coste del mar Tirreno con un'incidenza straordinaria da inizio anno.

E' quanto rende noto il ministero dell'Ambiente, spiegando come il nuovo rapporto elaborato dalla Banca dati spiaggiamenti sembri far luce sul complicato mistero della straordinaria mori'a e affermi finalmente che ''il tasso di mortalita' appare bruscamente calato e mantenendosi questo trend potrebbe esaurirsi a breve''.

Questo tipo di andamento - rilevano gli esperti - e' gia' stato descritto in precedenti episodi anomali di mortalita' descritti negli ultimi anni, come quello da morbillo accaduto nei mari spagnoli tra il 2006 e il 2008.

Le nuove ricerche rafforzano l'ipotesi che la causa piu' probabile della straordinaria mori'a sia il morbillivirus del delfino, riscontrato nel 30-40% dei corpi analizzati, percentuali che - per quanto basse - rimangono comunque comparabili con quanto avvenuto in Spagna nelle precedenti epizoozie da morbillo.

Dall'inizio dell'anno ad oggi oltre 100 delfini sono stati trovati morti. L'epizoozia di questi mesi ha interessato una popolazione di stenelle giovani, con eta' inferiore ai 15-20 anni (96% delle carcasse analizzate), cioe' animali nati dopo la moria del 1990-92 determinata da morbillo e quindi sprovvisti di anticorpi specifici per difendersi da questa malattia. Secondo gli scienziati, i cetacei erano fortemente indeboliti dal virus del morbillo e le loro difese immunitarie erano ridotte. Cio' avrebbe aperto la strada all'azione di infezioni e altre malattie (come photobacterium damselae e virus dell'herpes), responsabili effettivi della morte degli animali.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia