domenica 11 dicembre | 13:50
pubblicato il 04/mag/2014 17:32

Marche in ginocchio dopo l'alluvione, due morti

Gli sfollati tornano a casa, prosegue l'allerta

Marche in ginocchio dopo l'alluvione, due morti

Ancona, (askanews) - Le Marche in ginocchio dopo l'alluvione che ha provocato due morti e danni alle abitazioni, alle strade e alle attività produttive. La città più colpita è Senigallia ancora telefonicamente isolata, parte della popolazione è ancora senza luce. Solo una trentina, invece, gli sfollati, ospiti del seminario vescovile: gli altri, smistati da Protezione civile e Comune in tre scuole e alcuni alberghi, hanno preferito tornare nelle loro case, anche se ancora semi-allagate. La maggior parte delle strade, che erano state invase da acqua e fango sono state riaperte. Le idrovore dei vigili del fuoco sono in azione per per prosciugare strade, giardini e scantinati. La Protezione civile porta acqua, viveri e medicinali nelle frazioni isolate, ma l'allerta resta alta.Le previsioni meteo infatti indicano un leggero miglioramento, ma la criticità idrogeologica rimane elevata, perché i terreni sono imbevuti d acqua e rischiano di non assorbire nuove precipitazioni.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina