martedì 28 febbraio | 03:17
pubblicato il 01/ago/2013 17:49

Marche: Cia, legge regionale svuota consorzi bonifica territorio e acque

Marche: Cia, legge regionale svuota consorzi bonifica territorio e acque

(ASCA) - Ancona, 1 ago - La regione Marche, con una recente legge, svuota l'importante ruolo dei consorzi di bonifica e rischia di essere un pericoloso precedente che potrebbe portare, anche in altre realta' regionali, a un ridimensionamento delle funzioni e della gestione degli enti consortili. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori che mette in evidenza le perplessita' e le preoccupazioni per la normativa approvata dalla Giunta Regionale.

Il provvedimento, secondo la Cia, viola diverse norme e contrasta con quelle di carattere europeo, quali la Direttiva 60/2000 e la 60/2007 per cui i confini idrografici dei bacini devono prescindere da disposizioni di carattere amministrativo. Di conseguenza, la costituzione del Consorzio unico delle Marche contrasta con il principio che la delimitazione dei Consorzi di bonifica deve avvenire sulla base di omogeneita' e coerenza idrografica-idraulica e non su base meramente amministrativa-territoriale. Il riconoscimento di competenze alle Province conferma ancora una volta la volonta' dell'amministrazione regionale di svuotare di poteri i Consorzi per attribuirli alla gestione pubblica. Cosi' facendo si ledono i principi dell'autogoverno e dell'autonomia impositiva dei consorzi, con riflessi sui produttori agricoli.

Il ricorso ai ''comprensori'', previsto nella legge regionale di riforma della bonifica delle Marche, e' lo strenuo tentativo di mettere in scena una forma di partecipazione democratica e di autogoverno da parte degli agricoltori consorziati che, nei fatti, non c'e'.

Una legge, dunque, che presenta evidenti punti d'incostituzionalita'. Da qui l'opera di sensibilizzazione avviata dalla Cia presso le istituzioni competenti per intervenire su un provvedimento attraverso il quale il consorzio viene considerato un ente strumentale a disposizione delle Province e dei Comuni che ''possono'' avvalersi della strutture, prescindendo dal fatto che compete ai Consorzi la gestione territoriale di una serie di funzioni che riguardano la bonifica (difesa idraulica, ambientale e sicurezza alimentare tramite l'irrigazione) e con palese violazione della natura stessa dell'Istituto del consorzio dettata, oltretutto, da leggi nazionali e confermata nel protocollo d'intesa Stato-Regioni del 2008.

red/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech