domenica 04 dicembre | 00:51
pubblicato il 20/lug/2011 19:00

Manovra/ Regione Friuli impugna la parte sui ticket sanitari

Tondo: Vogliamo potere scegliere come contenere spesa pubblica

Manovra/ Regione Friuli impugna la parte sui ticket sanitari

Roma, 20 lug. (askanews) - Impugnazione innanzi alla Corte Costituzionale della manovra finanziaria del Governo per quella parte che riguarda gli aspetti sanitari legati all'applicazione di una quota fissa di 10 euro per ricetta, in aggiunta ai ticket precedentemente in vigore, e di una quota di 25 euro per prestazioni di pronto soccorso qualificate come codice bianco. La decisione è stata assunta oggi in un incontro cui, assieme al presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo, hanno partecipato gli assessori alla salute, Vladimir Kosic, e alle Finanze, Sandra Savino, accompagnati dal direttore della sanità Paolo Basaglia e dal ragioniere generale Antonella Manca, e sarà formalizzata nella prossima riunione della Giunta regionale, in programma venerdì. "Riconosciamo la gravità della situazione economica italiana per cui non sfuggiamo alle nostre responsabilità - ha spiegato Tondo - La nostra impugnazione non intende assolutamente uscire da un quadro, necessario, in cui ciascuno deve contribuire al risanamento dei conti pubblici. La nostra azione vuole rilanciare con vigore l'autonomia in materia di sanità, per cui anche la Regione Friuli Venezia Giulia farà e sta già facendo la sua parte. Il Governo nazionale può indicarci il principio ma non obbligarci a comportamenti di dettaglio, che sono nostra esclusiva competenza". Già ora, contrariamente a quanto avviene in altre regioni italiane, i cittadini del Friuli Venezia Giulia non pagano alcun ticket sui farmaci: "Ci batteremo - aggiunge Tondo - in modo da poter scegliere, autonomamente, dove e come intervenire, nel rispetto del principio del contenimento della spesa pubblica". Il governatore ha già dato mandato agli uffici di predisporre il fascicolo per la difesa dell'autonomia regionale e "per il riconoscimento del nostro essere virtuosi, affinché i risparmi di spesa finora conseguiti vadano a favore dei nostri cittadini". Sotto il profilo tecnico, in ogni caso, in attesa che vi sia una decisione sull'impugnazione che sarà presentata dal Friuli Venezia Giulia, vi sarà necessariamente una transitoria applicazione dei ticket sia sul pronto soccorso che sulla specialistica, come del resto già avvenuto a seguito della stessa norma statale (legge finanziaria 2007), allora applicata dalla Giunta Illy.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari