venerdì 24 febbraio | 12:33
pubblicato il 19/dic/2011 16:02

Mani della 'ndrangheta su ricostruzione Abruzzo: 4 arresti

Dall'Aquila gestivano dal 2009 le infiltrazioni del clan

Mani della 'ndrangheta su ricostruzione Abruzzo: 4 arresti

Roma, 19 dic. (askanews) - Erano i referenti in Abruzzo della cosca della 'ndrangheta Caridi-Zincato-Borghetto di Reggio Calabria e nei mesi successivi al terremoto dell'Aquila del 2009 hanno fornito un concreto supporto logistico alla penetrazione economica della cosca, intermediando per l'acquisto di una parte di una quota del capitale sociale di una società interessata ai lavori della ricostruzione post-terremoto. Con l'accusa di concorso esterno in associazione di stampo mafioso, stamattina i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza ed i poliziotti della Sezione ciminalità organizzata della Squadra Mobile dell'Aquila hanno arrestato quattro imprenditori locali: B.S. trentaquattrenne dellAquila; V.A. di 45 anni, V.M. di 38 e I.F. di 58 anni, tutti di Reggio Calabria. Le indagini sono iniziate nell'ottobre 2009, pochi mesi dopo il terremoto, nell'ambito delle iniziative programmate dalla Questura per monitorare e respingere eventuali azioni di condizionamento ed infiltrazione della criminalità organizzata nei lavori di ricostruzione edilizia post-sisma. Tramite intercettazioni telefoniche, pedinamenti e ascolto di conversazioni ambientali gli investigatori - coordinati dalla Procura dell'Aquila - hanno ricostruito le concrete modalità operative attraverso cui la cosca reggina ha tentato di penetrare nel territorio aquilano. In particolare è emerso che Santo Giovanni Caridi, boss della cosca arrestato nell'ambito dell'operazione 'Alta tensione', si era inserito nei lavori di ricostruzione degli immobili privati tramite B.S., imprenditore aquilano già presente nell'ambito del post-terremoto e grazie alla mediazione di V.A., V.M. e I.F. Gli imprenditori arrestati utilizzavano le maestranze indicate dagli affiliati della cosca e usufruivano di imprese riconducibili allo stesso clan mafioso. L'operazione di oggi - chiamata 'Lypas', dal nome di una ditta riconducibile all'organizzazione criminale - ha portato anche al sequestro di beni riconducibili agli indagati e alle loro attività commerciali per circa un milione di euro, tra i quali quote sociali di 4 società, 8 automezzi, 5 immobili e 25 rapporti bancari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech