lunedì 23 gennaio | 12:06
pubblicato il 20/nov/2013 15:04

Maltempo/Abruzzo: Chiodi chiede stato di emergenza per comuni costieri

(ASCA) - L'Aquila, 20 nov - La richiesta di dichiarazione di stato di emergenza per l'Abruzzo e' sul tavolo del Governo nazionale per il tramite della Protezione civile. L'annuncio e' stato dato oggi dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, e dall'assessore alla Protezione civile, Gianfranco Giuliante, dopo aver constatato la presenza di danni, soprattutto nei comuni costieri, a seguito delle alluvioni della settimana scorsa. Presidente e Assessore hanno illustrato la situazione nel corso di una conferenza stampa, confermando che ''ancora una volta alcune zone del territorio regionale hanno mostrato criticita' idrogeologiche''. Il riferimento e' ai comuni costieri che piu' di tutti hanno subito i danni delle alluvioni dei giorni passati.

Sull'entita' dei danni non ci sono ancora cifre, ma Chiodi e Giuliante hanno detto di ''aver chiesto ai comuni interessati di fare al piu' presto una stima dei danni riportati per avanzare richieste di indennizzo''. Le Province faranno da coordinamento e raccolta dati. La dichiarazione di emergenza porta con se' una serie di problemi di tenuta dei conti nei bilanci di Comuni e Province. E su questo punto, Chiodi e' stato categorico: ''Sara' indispensabile una deroga al Patto di stabilita' se veramente si vuole permettere agli Enti locali di operare per ristabilire le condizioni di sicurezza; di questo se n'e' gia' discusso in sede di Conferenza delle Regioni''. ''Ci auguriamo - ha aggiunto - che questa volta il Governo non bari come ha fatto per l'emergenza neve del 2012, quando invito' Enti locali e Regioni a presentare la stima dei danni e sul tavolo delle amministrazioni delle aree colpite arrivarono pochi milioni di euro''. Sull'emergenza che sta investendo la Sardegna, Chiodi e Giuliante hanno assicurato che ''L'Abruzzo ha messo a disposizione della Protezione civile nazionale mezzi e risorse umane per ogni evenienza''. ''E' il caso di ricordare - ha evidenziato Giuliante - che quella della Sardegna e' catalogata come 'emergenza C' e dunque gestita direttamente dalla Protezione civile nazionale. Abbiamo messo a disposizione di Gabrielli 8 idrovore, una torre faro, una cucina da campo, due gommoni per 20 posti, di cui uno utilizzabile per trasporto barelle, una tenda per allestimento mensa e 60/80 volontari pronti a partire per l'isola''. iso/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4