domenica 19 febbraio | 16:07
pubblicato il 11/feb/2014 15:12

Maltempo: Zaia a parlamentari veneti, serve vostra collaborazione

(ASCA) - Venezia, 11 feb 2014 - ''La drammaticita' degli eventi mi porta per questo a chiedere tutta la Vostra collaborazione. La Regione del Veneto con le sue sole forze e', di fatto, impotente''. E' quanto ha chiesto oggi con una lettera il presidente del Veneto Luca Zaia a tutti i parlamentari del Veneto, inviando loro in copia il dossier mandato a Roma sui danni causati dall'ondata di maltempo dei giorni scorsi, stimati provvisoriamente in mezzo milione di euro, cifra peraltro destinata ad aumentare nei prossimi giorni.

''Le condizioni meteorologiche avverse che si sono abbattute nell'ultimo periodo nel nostro Paese hanno particolarmente segnato la Regione del Veneto, con una serie di eventi eccezionali che dal 30 gennaio stanno colpendo tutto il territorio regionale - ha fatto presente Zaia - devastandolo con diffuse alluvioni, con movimenti franosi che stanno facendo cedere gli argini dei fiumi della rete primaria e secondaria e compromettendo la stabilita' e la sicurezza delle zone collinari e montane, con mareggiate che hanno spazzato via intere spiagge del litorale adriatico e con copiose nevicate che hanno dimostrato la fragilita' delle nostre montagne, provocando danni indefinibili e compromesso una stagione invernale sulla quale il turismo montano tanto contava per riprendersi dalla crisi economica strisciante.

Una calamita' naturale che pare non avere fine e che ad oggi non puo' essere ancora considerata cessata''.

''Fin da subito ho dichiarato lo stato di crisi regionale con decreto n. 15 del 3 febbraio 2014, attivato il sistema di protezione civile regionale e - ha ricordato il presidente della Regione - stanziato due milioni di euro per affrontare la prima emergenza''.

''Tutti - ha evidenziato poi Zaia - si sono impegnati ad affrontare l'emergenza: i singoli cittadini coinvolti hanno cercato di ridurre il danno, le Amministrazioni locali hanno messo in moto la macchina dei soccorsi, l'esercito dei volontari della Protezione civile e del Soccorso alpino sono arrivati ovunque per portare un minimo di sollievo. Le Forze armate, i Vigili del Fuoco e l'Esercito hanno garantito il loro supporto e il pronto intervento''.

''Ora dovra' iniziare la conta dei danni che non e' assolutamente agevole. Quantitativi di neve accumulata e di acqua sparsa ovunque non rendono il lavoro facile. Le infrastrutture, gli edifici pubblici, le colture, le abitazioni civili e la ripresa del sistema produttivo, la' dove colpito, mostrano i segni di una grande devastazione.

Per quanto di mia competenza, come previsto per legge, ho provveduto ad inoltrare al Presidente del Consiglio dei Ministri - on. Enrico Letta - e al Capo del Dipartimento della Protezione civile - Prefetto Gabrielli - la richiesta di dichiarazione dello Stato di Emergenza, con una prima stima dei danni quantificata in 500 milioni di euro. Una cifra considerevole ma che rimane del tutto provvisoria e destinata ad aumentare in maniera significativa''.

''La drammaticita' degli eventi - ha proseguito Zaia - mi porta per questo a chiedere tutta la Vostra collaborazione.

La Regione del Veneto con le sue sole forze e', di fatto, impotente''.

''Gli eventi calamitosi che dal 2010 si stanno susseguendo con una frequenza quasi matematica nel nostro territorio regionale hanno piegato le nostre genti, dimostrato tutta la fragilita' del sistema idraulico e idrogeologico della nostra terra e colpito un sistema produttivo e turistico, disseminato ovunque, che a fatica stava sopravvivendo alla crisi economica del nostro tempo. Le genti venete si aspettano da noi delle risposte e credo che solo agendo in maniera sinergica e concentrando gli sforzi di tutti si riuscira' a far sentire ai cittadini la presenza utile e attenta delle istituzioni''.

''All'impegno e allo sforzo finanziario che la Regione sapra' comunque dimostrare (basta pensare al ''Piano straordinario degli interventi a seguito dell'emergenza alluvionale 2010'' che prevede 24 milioni di euro per l'esercizio finanziario 2013 e ulteriori 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015) bisogna accompagnare altre soluzioni - ha scritto Zaia - da cercare in un contesto generale di forte carenza di risorse pubbliche e caratterizzato da riduzioni di trasferimenti di risorse statali a favore delle Regioni, da tagli apportati dallo Stato ai trasferimenti alla sanita', dalla riduzione dei tetti di spesa dettati dalle norme del Patto di Stabilita'. Mi rivolgo, pertanto, alla Vostra sensibilita' - ha concluso - e conto sull'azione che ciascuno di Voi potra' promuovere nell'esercizio del proprio mandato''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia