lunedì 05 dicembre | 15:33
pubblicato il 11/feb/2013 10:51

Maltempo: Veneto schiera i volontari nelle stazioni ferroviarie

Stabilito con Trenitalia il presidio in 19 stazioni.

(ASCA) - Roma, 11 feb - In accordo con Trenitalia, la Regione Veneto mobilita il volontariato per far fronte all'emergenza maltempo nelle principali stazioni ferroviarie.

Nello specifico, ''i volontari del sistema della Protezione Civile del Veneto manterranno in queste ore un presidio nelle principali stazioni ferroviarie della Regione, allo scopo di garantire assistenza ai viaggiatori e a Trenitalia qualora, a causa del maltempo, si dovessero verificare situazioni di emergenza e blocchi del servizio ferroviario'', si legge in una nota della Regione.

La decisione e' stata presa ''su richiesta della stessa Trenitalia, con la quale e' stato concordato di dislocare due squadre di volontari nelle stazioni capoluogo di provincia e una squadra in quelle minori. I volontari saranno disponibili principalmente per l'assistenza a viaggiatori su treni costretti a fermarsi. Le squadre sono inoltre attrezzate con mezzi idonei all'eventuale trasporto di tecnici delle ferrovie per raggiungere treni fermi o scambi bloccati''. Complessivamente sul territorio veneto i volontari della Protezione civile presidieranno 19 stazioni nelle province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza.

Red/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari