sabato 03 dicembre | 12:41
pubblicato il 06/nov/2011 19:33

Maltempo/ Torino, Fassino ai cittadini: restate a casa

"Non sostate nei siti fluviali"

Maltempo/ Torino, Fassino ai cittadini: restate a casa

Roma, 6 nov. (askanews) - La situazione a Torino è monitorata e sotto controllo, ma il sindaco del capoluogo piemontese, Piero Fassino, in previsione dell'ondata di piena del Po questa notte, chiede ai torinesi di restare a casa e collaborare per evitare pericoli. Fassino lo ha detto intervistato da Sky Tg 24. L'esperienza di Genova nei giorni scorsi incute timore. Domani le scuole saranno chiuse a Torino e il sindaco ha disposto la chiusura di tutte le attività pubbliche e private sulle sponde del fiume Po ed il divieto di circolazione e sosta di veicoli e pedoni nell'area dei Murazzi. Parlando in tv, Fassino ha invitato a non uscire per strada a guardare la piena dalle spallette del fiume, "in particolare a non sostare sui siti fluviali, e non parcheggiare in zone a rischio. Tutto quello che la protezione civile ha predisposto è utile se la gente fa attenzione". "Chiedo a tutti - ha concluso Fassino - di rendersi conto che sono le ore più delicate, fin qui tutto ha funzionato, facciamo in modo che funzioni anche nelle prossime ore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari