martedì 24 gennaio | 10:13
pubblicato il 13/nov/2014 12:03

Maltempo, spaventa la piena del Po: domani attesi allagamenti

Allerta tra province di Cremona, Reggio Emilia, Piacenza e Parma

Maltempo, spaventa la piena del Po: domani attesi allagamenti

Roma, 13 nov. (askanews) - Tra Lombardia e Emilia-Romagna è allerta per la piena del fiume Po che domani potrebbe causare alcuni allagamenti nelle stazioni di Casalmaggiore (Cremona), Boretto (Reggio Emilia) e Borgoforte (Mantova). La Protezione civile dell'Emilia-Romagna ha infatti diffuso un'allerta avvertendo che per le intense precipitazioni registrate sul bacino del fiume si stanno verificando innalzamenti dei livelli idrometrici in tutte le sezioni del fiume, che hanno determinato il superamento del livello 2 a Boretto.

Sulla base delle valutazioni previsionali di Aipo, si prevede quindi il superamento del livello 3 sulle sezioni comprese fra Casalmaggiore Boretto e Borgoforte: Casalmaggiore e Boretto dalle prime ore di domani, Borgoforte nel pomeriggio di domani. La Protezione civile ha così attivato la fase di allarme per i comuni di Colorno (Parma); Mezzani (PR); Boretto (Reggio Emilia); Brescello (Reggio Emilia); Gualtieri (Reggio Emilia); Guastalla (Reggio Emilia); luzzara (Reggio Emilia). Per le sezioni fra Piacenza e Casalmaggiore permane la fase di preallarme (criticità moderata) con livelli prossimi al livello 3 nei comuni di Calendasco (Piacenza); Caorso (Piacenza); Castel San Giovanni (Piacenza); Castelvetro Piacentino (Piacenza); Monticelli d'Ongina (Piacenza); Piacenza (Piacenza); Rottofreno (Piacenza); Sarmato (Piacenza); Villanova sull'Arda (Piacenza); Polesine Parmense (Parma); Roccabianca (Parma); Sissa Trecasali (Parma); Zibello (Parma).

"Il previsto innalzamento dei livelli idrometrici del Fiume Po - sottolinea infine la Protezione civile - determinerà l'allagamento delle aree golenali non difese da argini, con interessamento delle attività, degli insediamenti e delle infrastrutture ivi presenti. Potranno inoltre essere interessate le golene chiuse non adeguate dopo la piena dell'anno 2000. Si prevede inoltre la presenza di materiale flottante".

Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4