mercoledì 18 gennaio | 17:09
pubblicato il 13/feb/2012 17:15

Maltempo/ Rischio valanghe e crollo tetti per troppa neve

Val Marecchia, Marsica, Marchigiano, anche 3 metri sugli edifici

Maltempo/ Rischio valanghe e crollo tetti per troppa neve

Roma, 13 feb. (askanews) - Dopo le nevicate eccezionali, il rischio ora sono le valanghe, in montagna, e il crollo dei tetti per troppa neve: in Val Marecchia, nella Marsica nel marchigiano, dove sui tetti si sono accumulati fino a e oltre tre metri di neve. In tutto il Nord e zone interne del centro sud l'altro nemico è il gelo, a causa delle temperature ancora siberiane. "Ora - spiega Paola Pagliara, Dirigente del Servizio idrogeologico, idraulico, idrico, marittimo e costiero, del Dipartimento nazionale della Protezione civile - le situazioni di rischio sono quelle connesse alle nevicate nelle regioni più colpite, in Emilia, Marche soprattutto ma anche Abruzzo e Molise, dove le coperture nevose hanno raggiunto altezze rilevanti, fino a due metri e mezzo, tre metri nelle zone più elevate, come nella provincia di Forlì-Cesena, in quella di Pesaro-Urbino, i comuni della marsica in Abruzzo". "In queste zone - sottolinea il dirigente della Protezione civile - nelle aree montane ora c'è il rischio valanghe e il rischi crolli a causa della copertura nevosa sui tetti delle abitazioni e sulle coperture più fragili come stalle, capannoni, industriali o agricoli che sono più fragili, e sui quali si sono registrati già decine di crolli". Ma a rischio sono anche le abitazioni civili, specie quelle già compromesse, e gli edifici storici, come nelle Marche, dove sono in corso sopralluoghi da parte dei tecnici della Regione per verificare lo stato delle coperture di edifici di rilevanza storica come il palazzo ducale di Urbino, dove il sovraccarico sui tetti è di tre metri di neve. "Bisogna agire subito - sottolinea Pagliara - questi rischi devono essere gestiti subito, il distacco controllato delle valanghe è più efficace nell'immediato e scongiura rischi di ricadute sulla viabilità, mentre si devono liberare subito i tetti dalla neve per evitare che la situazione peggiori diventando ghiaccio". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sciame sismico dopo tre forti scosse di mattina in centro Italia
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani chiude sfilate
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina