martedì 06 dicembre | 03:49
pubblicato il 05/nov/2014 17:48

Maltempo, Regione Liguria chiede estensione stato emergenza

Per far fronte ai nuovi danni procurati dagli ultimi nubifragi

Maltempo, Regione Liguria chiede estensione stato emergenza

Genova, 5 nov. (askanews) - Un'estensione dello stato di emergenza per far fronte ai danni procurati dal maltempo che si è abbattuto nuovamente sulla Liguria dopo l'alluvione che aveva devastato Genova e il suo entroterra lo scorso 9 ottobre. L'ha chiesta al governo l'assessore regionale alla protezione civile, Raffaella Paita, dopo una serie di ricognizioni nei Comuni liguri più colpiti dai nubifragi e dalle tempeste di vento di questi giorni.

"Dopo le stime che avevamo compiuto a seguito dell'alluvione dello scorso 9 ottobre da cui sono emersi danni per 250 milioni di euro -ha spiegato Paita- abbiamo la necessità di vederci riconosciuta un'estensione dello stato di emergenza e con questo nuove risorse da destinare al territorio colpito di nuovo duramente, sia a levante che a ponente e nell'entroterra".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari