martedì 21 febbraio | 23:11
pubblicato il 05/nov/2014 17:48

Maltempo, Regione Liguria chiede estensione stato emergenza

Per far fronte ai nuovi danni procurati dagli ultimi nubifragi

Maltempo, Regione Liguria chiede estensione stato emergenza

Genova, 5 nov. (askanews) - Un'estensione dello stato di emergenza per far fronte ai danni procurati dal maltempo che si è abbattuto nuovamente sulla Liguria dopo l'alluvione che aveva devastato Genova e il suo entroterra lo scorso 9 ottobre. L'ha chiesta al governo l'assessore regionale alla protezione civile, Raffaella Paita, dopo una serie di ricognizioni nei Comuni liguri più colpiti dai nubifragi e dalle tempeste di vento di questi giorni.

"Dopo le stime che avevamo compiuto a seguito dell'alluvione dello scorso 9 ottobre da cui sono emersi danni per 250 milioni di euro -ha spiegato Paita- abbiamo la necessità di vederci riconosciuta un'estensione dello stato di emergenza e con questo nuove risorse da destinare al territorio colpito di nuovo duramente, sia a levante che a ponente e nell'entroterra".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia