domenica 04 dicembre | 11:17
pubblicato il 25/ott/2012 16:58

Maltempo/ Protezione civile Campidoglio: strutture in preallerta

"Limitare gli spostamenti e porre al sicuro i propri veicoli"

Maltempo/ Protezione civile Campidoglio: strutture in preallerta

Roma, 25 ott. (askanews) - In vista dell'ondata di forte intensità prevista da domani, la Protezione civile del Campidoglio, "ha messo in preallerta le proprie strutture operative", e, nel corso di temporali di forte intensità, avverte: "Limitare gli spostamenti a quanto di effettiva necessità, ponendo al sicuro i propri veicoli". Il Dipartimento Nazionale della Protezione civile ha infatti emesso - ricorda il Campidoglio - un bollettino di condizioni meteorologiche avverse, precisando che "dal pomeriggio-sera di domani, venerdì 26 ottobre si avrà uno progressivo e spiccato peggioramento delle condizioni meteorologiche, con: precipitazioni che a partire dalla serata/nottata di venerdì 26 e per gran parte della giornata di sabato 27 assumeranno carattere diffuso e persistente, manifestandosi per lunghi tratti a prevalente carattere di rovescio o temporale e dando quindi luogo a ripetuti scrosci di forte intensità; venti meridionali in intensificazione fino a tesi nel pomeriggio-sera di venerdì, in rotazione da sud-ovest sabato ed in ulteriore decisa intensificazione fino a forti con raffiche di burrasca specie sul settore litoraneo". (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari