sabato 03 dicembre | 04:17
pubblicato il 01/feb/2014 12:43

Maltempo: Protezione civile, 300 interventi a Roma. Tevere a 12,5 metri

Maltempo: Protezione civile, 300 interventi a Roma. Tevere a 12,5 metri

(ASCA) - Roma, 1 feb 2014 - Sono oltre 300 gli interventi effettuati nel quadro dell'emergenza maltempo a Roma dove, tra le principali criticita', prosegue l'assistenza a 70 famiglie evacuate dalle loro abitazioni, mentre restano sotto osservazione i fiumi Aniene e Tevere, giunto, quest'ultimo, ad un'altezza di oltre 12 metri. Lo comunica in una nota la Protezione civile di Roma Capitale.

Nello specifico, sono stati ''300 gli interventi effettuati dalla giornata di ieri dalle squadre di operatori e volontari della Protezione civile di Roma Capitale, dal personale tecnico-operativo del Servizio giardini, dipartimento Tutela ambientale e del verde, dai Vigili del fuoco, dalla Polizia locale e dagli operatori del Simu (Sviluppo infrastrutture manutenzione urbana) e dell'Ama. Da piu' di 24 ore gli operatori stanno presidiando e intervenendo in tutto il territorio romano, dando supporto e assistenza alla cittadinanza''. Lo Protezione civile di Roma capitale sottolinea, inoltre, che ''nella notte le squadre sono intervenute nella zona di Piana del Sole, Prima Porta, Giustiniana, Corcolle, Tuscolana e a Tiburtina dove, a seguito dell'innalzamento del livello del Fosso di Prato Lungo, sono stati distribuiti e posizionati sacchetti di sabbia. Proseguono gli interventi nella zona di Ostia Antica, Infernetto, Piana del Sole e nel quadrante nord nella citta', in particolare nei quartieri Prima Porta e Giustiniana''.

Criticita' della rete stradale, a causa di frane e smottamenti, si registrano lungo la Panoramica e in via E.

Salk dove si e' verificato il distaccamento di un costone.

L'intervento delle squadre e' stato immediato.

Continua, intanto, il monitoraggio dei fiumi Tevere e Aniene. ''Dai dati comunicati dal Centro funzionale regionale - si legge - alle ore 5, la stazione Ripetta registrava un'altezza di 12,55 metri, con tendenza all'aumento. Una squadra della Protezione Civile sta monitorando e presidiando l'Ospedale Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina. Fino a cessate esigenze tutti gli accessi alle banchine rimangono chiusi. Il divieto di accesso, in vigore gia' dal 21 gennaio, e' stato disposto a seguito del parziale superamento delle banchine nel tratto urbano''. Proseguono, infine, ''le operazioni di assistenza alle settanta famiglie residenti nella zona di Piana del Sole e di Prima Porta che, nel pomeriggio di ieri, sono state allontanate dalle proprie abitazioni e ospitate presso alcune strutture scolastiche''. A seguito dell'avviso di condizioni metereologiche avverse, diramato nella giornata di ieri dal Centro funzionale regionale, rimangono attivi tutti i presidi operativi, le squadre di rafforzamento h24 della Protezione civile, convocato il Centro operativo comunale e attivate le Unita' di crisi municipali. Per segnalazioni e richieste di interventi e' possibile contattare la Sala operativa h/24 dell'ufficio Protezione civile al numero 06.67109200 o al numero verde 800.854854.

bet/stt/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari