domenica 04 dicembre | 03:45
pubblicato il 23/nov/2011 05:10

Maltempo/ Disastro al centro-sud, oggi ancora temporali e vento

Inondato il messinese, deraglia un treno in Calabria

Maltempo/ Disastro al centro-sud, oggi ancora temporali e vento

Roma, 23 nov. (askanews) - Ancora temporali e forte vento sul Centro Sud, in particolare Sardegna, Calabria, Basilicata e Puglia, in estensione a Marche e Abruzzo. La perturbazione che interessa fin da domenica il centro-sud perdurerà infatti anche oggi e continuerà a causare condizioni di instabilità diffusa sulle regioni ioniche e parzialmente su quelle centrali adriatiche. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha così emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede ancora fino a domani mattina precipitazioni diffuse - anche a carattere di rovescio o temporale - su Sardegna, Calabria, Basilicata e Puglia, in estensione anche a Marche ed Abruzzo con rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Bel tempo invece sulle regioni settentrionali. Nella giornata di ieri il maltempo ha provocato numerosi dissesti, fra cui una potente ondata di piena che ha invaso le strade di Barcellona Pozzo di Gotto nel messinese, una frana sul comune di Saponara sempre nella provincia, e il deragliamento di un treno fra Lamezia e Catanzaro con una ventina di contusi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari