lunedì 05 dicembre | 02:14
pubblicato il 10/giu/2013 19:08

Maltempo: Coldiretti, sui campi grandine impazzita, come palline da golf

Maltempo: Coldiretti, sui campi grandine impazzita, come palline da golf

(ASCA) - Roma, 10 giu - Colpo di coda della primavera impazzita nelle campagne italiane dove la grandine con chicchi grandi anche come palline da golf si e' abbattuta sulle coltivazioni a macchia di leopardo lungo la penisola. E' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell'ultima ondata di maltempo che fa salire ulteriormente il conto dei danni provocati dall'andamento climatico anomalo del 2013. Se in Abruzzo lungo la costa del Pescarese e del Teramano la grandine ha colpito le viti, ma anche distrutto le piantine di pomodori, melanzane e peperoni, nelle Marche - sottolinea la Coldiretti - si contano danni nell'Ascolano a vivai, grano, frutta oltre che alle vigne. La grandine - precisa la Coldiretti - e' la piu' temuta dagli agricoltori in questa stagione perche' provoca danni irreparabili alle coltivazioni vanificando il lavoro di un intero anno, con effetti economici ed occupazionali in vista delle campagne di raccolta estive e della vendemmia. Con l'ultima ondata di maltempo il conto dei danni, delle perdite e dei maggiori costi provocati all'agricoltura italiana dal maltempo in questa primavera hanno superato - conclude la Coldiretti - il miliardo di euro. com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari