sabato 25 febbraio | 02:04
pubblicato il 11/feb/2014 13:52

Maltempo: Coldiretti, su Toscana caduta pioggia tripla rispetto a media

Maltempo: Coldiretti, su Toscana caduta pioggia tripla rispetto a media

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - In Toscana - regione che ha speso per l'emergenza ambiente oltre un mld di euro in un decennio - e' caduta quasi il triplo della pioggia (+168%) rispetto alla media del periodo a gennaio con le precipitazioni violente ed intese della prima decade del mese di febbraio che hanno peggiorato la situazione. E' quanto emerge - riferisce una nota - dal monitoraggio della Coldiretti, sulla base dei dati Ucea, che lancia l'allarme per i terreni saturi di acqua con tutti i fiumi in piena e allagamenti, frane ed alluvioni nelle campagne in una regione dove il 98% dei comuni ha parte del territorio a rischio idrogeologico. L'abbandono delle aree marginali unito alla cementificazione diffusa degli ultimi anni hanno provocando il progressivo impoverimento delle superficie agricole. Secondo Coldiretti sulla base di un'analisi dei dati Istat dal 1990 ad oggi sono spariti 420mila ettari di superficie agricola nella regione (-25%) con la presenza degli agricoltori che si e' praticamente dimezzata nelle aree marginali (montane ecollinari). Il 36% dei terreni agricoli (128mila ettari), oggi non piu' curati e ''coltivati'' dal lavoro quotidiano degli agricoltori si trova in montagna, il 22% in collina (264mila ettari). E' un chiaro segnale - prosegue Coldiretti - di quanto sia importante la presenza dell'agricoltura nelle aree cosi' dette svantaggiate dove la manutenzione unita alla presenza fisica degli agricoltori e' un elemento imprescindibile di prevenzione e di difesa del territorio. Sono oltre 20mila le imprese che hanno lasciato la montagna dagli anni 90 per mancanza di un'opportunita' economica che nel tempo e' venuta meno e per un ricambio generazionale che fortunatamente, in questi ultimi anni, sembra invece dare segnali di inversione positiva. Con i cambiamenti climatici - sottolinea Coldiretti - e' sempre piu' urgente investire nella prevenzione per una regione con migliaia di cittadini che ogni giorno vivono o lavorano in aree considerate ad alto rischio soprattutto se si pensa che fra il 2001 ed il 2010 la Toscana ha speso in emergenza dell'ambiente quasi 1miliardo di euro. com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech