lunedì 23 gennaio | 20:32
pubblicato il 30/lug/2013 10:01

Maltempo: Coldiretti, stato di calamita', oltre un miliardo di danni

Maltempo: Coldiretti, stato di calamita', oltre un miliardo di danni

(ASCA) - Roma, 30 lug - Le tempeste estive, che con trombe d'aria, nubifragi e grandine hanno colpito a macchia di leopardo il Nord ovest d'Italia, hanno fatto salire ad oltre un miliardo il conto dei danni provocati all'agricoltura dall'andamento climatico anomalo del 2013, tra perdite e maggiori costi. E' quanto stima la Coldiretti che ha chiesto di verificare le condizioni per la dichiarazione dello stato di calamita' nei territori colpiti dall'ondata di maltempo che con manifestazioni improvvise e violente si e' abbattuta sul Piemonte, la Liguria e la Lombardia, ma anche in alcune zone della Toscana e dell'Umbria. I tecnici dell'Organizzazione - informa la Coldiretti - sono al lavoro per monitorare i danni causati dal maltempo nel Pavese e tra Milano e Varese dove sono numerosi gli alberi divelti, i campi di mais spianati dalla furia del vento che ha scoperchiato anche serre e danneggiato impianti fotovoltaici.

Ma anche in Piemonte, nell'Alessandrino e nell'Astigiano - precisa la Coldiretti - si stanno valutando i guasti subiti dai vigneti di Brachetto e delle altre pregiate varieta' della zona, mentre in Liguria sono sotto osservazione gli effetti delle trombe d'aria sulle serre dell'Imperiese. In questa pazza estate interi raccolti sono stati spazzati via dalla furia del vento, dalla pioggia e dalla grandine ed il lavoro un intero anno degli agricoltori e delle loro famiglie - segnala la Coldiretti - e' stato distrutto in pochi minuti per colpa di violente bufere accompagnate da grandine con chicchi di grandi dimensioni che hanno allagato campi, divelto alberi, tetti e serre e raso al suolo interi raccolti. L'ennesima ondata di maltempo conferma un 2013 caratterizzato nelle campagne dal ripetersi di eventi estremi con sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi e intense dopo una primavera estremamente piovosa soprattutto nelle regioni del nord. Si tratta degli effetti dei cambiamenti climatici con i quali e' costretta a convivere l'agricoltura che a differenza delle attivita' industriali - conclude la Coldiretti - si svolge all'aria aperta ed e' quindi soggetta alle bizzarrie del tempo, oltre alle difficolta' di mercato dovute alla crisi.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4