martedì 28 febbraio | 08:37
pubblicato il 21/gen/2014 10:24

Maltempo: Coldiretti, da nutrie danni a campi per 20 mln l'anno

Maltempo: Coldiretti, da nutrie danni a campi per 20 mln l'anno

(ASCA) - Roma, 21 gen 2014 - La presenza delle nutrie in Italia e' in continuo aumento cosi' come i danni provocati nelle campagne alle infrastrutture come strade canali ed argini con un impatto stimabile in 20 milioni di euro all'anno. E' quanto afferma la Coldiretti sulla base dello studio effettuato dall'Universita' di Pavia sui danni all'agricoltura provocati dalla nutria nel quale si descrive una situazione critica per una specie che si e' riprodotta in modo tale da avere un impatto negativo sulle colture e sulla stabilita' idrogeologica del territorio. Con riferimento all'ultima ondata di maltempo con la rottura di argini ed esondazioni, non c'e' dubbio infatti che - sottolinea la Coldiretti - la proliferazione delle nutrie abbia aggravato una situazione di dissesto idrogeologico provocato dall'incuria. Le nutrie infatti secondo lo studio sono particolarmente dannose perche' creano le tane in prossimita' di canali ed arginature scavando lunghe ed ampie gallerie provocando crolli ed esondazioni- Si originano cosi' - continua la Coldiretti - fenomeni di abbassamento delle strade poderali che, oltre a rendere difficoltosa e pericolosa il transito dei trattori, mettono in grave pericolo la sicurezza idraulica. Ad essere a rischio quindi e' la tutela dell'ambiente e la sicurezza di tutti i cittadini ma anche il reddito delle imprese agricole perche' le nutrie nutrendosi dei germogli di piante erbacee ed arboree, rasano i campi di cereali mettendo a serio rischio la produzione e, di conseguenza, la redditivita' delle imprese agricole locali. La nutria e' anche portatrice di un rischio di diffusione della Leptospirosi con una percentuale di animali (10-60%) mostra positivita' anticorpale ed e' esposta all'infezione (probabilmente a causa del contatto con il Ratto Rattus norvegicus).In Italia, la nutria - conclude la Coldiretti - e' stata importata negli anni '30, allo scopo di allevamento, quale animale da pelliccia. A partire soprattutto dagli anni '60 ha colonizzato gli ambienti fluviali e le aree particolarmente ricche di corsi d'acqua e zone agricole. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech