sabato 21 gennaio | 18:57
pubblicato il 05/ott/2013 12:06

Maltempo: Coldiretti, da -76% pioggia a rischio grandine, ecco l'autunno

Maltempo: Coldiretti, da -76% pioggia a rischio grandine, ecco l'autunno

(ASCA) - Roma, 5 ott - Violenti temperali con frane e allagamenti segnano la decisa svolta in un autunno iniziato con una temperatura minima superiore di 1,7 gradi e addirittura il 76% in meno di pioggia rispetto alla media del periodo che aveva regalato un prolungamento di 'vacanze' agli italiani e garantito l'ottimale maturazione delle produzioni nelle campagne. E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti in occasione dell'arrivo della perturbazione atlantica che con piogge e nubifragi rimarra' sull'Italia per i prossimi cinque giorni, sulla base dei dati Ucea relativi all'ultima decade di settembre. Il repentino passaggio dal sereno al maltempo con manifestazioni temporalesche intense e' una delle conseguenze dei cambiamenti climatici che in Italia si manifestano con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi e ma intense. Le tempeste che accompagnano la nuova perturbazione - continua la Coldiretti - hanno fatto salire ad oltre un miliardo il conto dei danni, tra perdite e maggiori costi, provocati all'agricoltura dall'andamento climatico straordinariamente anomalo del 2013 che e' iniziato con una primavera estremamente piovosa ed e' proseguito con una estate calda e asciutta che e' stata pero' interrotta da forti nubifragi e grandinate che hanno colpito a macchia di leopardo la penisola. A preoccupare le campagne in questo momento e' infatti soprattutto la grandine - sottolinea l'associazione - perche' provoca danni insanabili alle coltivazioni, con effetti economici ed occupazionali sulle operazioni di raccolta di frutta e verdura e sulla vendemmia che fino d ora si e' svolta in condizioni ottimali nella maggior parte del Paese.

Dove sono disponibili sono state stese le reti anti grandine a protezione della frutta come le mele mature per la raccolta ma ancora sugli alberi, ma altrove l'arrivo del maltempo rischia di far perdere un intero anno di lavoro. A sperare sono solo gli appassionati di funghi in una stagione che fino ad ora non e' stata particolarmente favorevole alla raccolta.

La nascita dei funghi per essere rigogliosa richiede pero' come condizioni ottimali terreni umidi senza piogge torrenziali e una buona dose di sole e 18-20 gradi di temperatura all'interno del bosco mentre le precipitazioni violente non aiutasno. Si stima che, in annate normali, gli oltre 10 milioni di ettari di bosco che coprono un terzo dell'Italia possano offrire una produzione di circa 30mila tonnellate tra porcini, finferli, trombette, chiodini e le altre numerose specialita' note agli appassionati. com-drc/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4