martedì 24 gennaio | 02:36
pubblicato il 30/nov/2013 12:00

Maltempo, Coldiretti: a rischio 100% comuni Calabria, Basilicata

Dopo allerta meteo per perturbazioni con piogge di forte intesità

Maltempo, Coldiretti: a rischio 100% comuni Calabria, Basilicata

Roma, 30 nov. (askanews) - Il maltempo si abbatte sulle regioni a maggior rischio idrogeologico come la Calabria e la Basilicata dove il 100% dei Comuni ha parte dei territori a rischio per frane ed alluvioni mentre la percentuale scende al 78% in Puglia e al 70% in Sicilia. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento all'allerta meteo emesso dal Dipartimento della Protezione civile per la perturbazione con precipitazioni di forte intensità che interessa anche Marche (99%), Toscana (98%) e Sardegna (81%) dove è ancora in corso la conta dei danni. La tropicalizzazione del clima con il ripetersi di eventi estremi - sottolinea la Coldiretti - ha fatto salire ad oltre il miliardo il conto dei danni e delle perdite provocata alle campagne nel 2013 . Siamo di fronte - precisa la Coldiretti - ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si sono manifestati quest'anno con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ma intense ed il repentino passaggio dal sereno al maltempo con vere e proprie bombe d'acqua che il terreno non riesce ad assorbire. Servono le opere infrastrutturali per la raccolta e la regimazione delle acque in una situazione in cui nell'82% dei comuni italiani sono presenti aree a rischio idrogeologico per frane e/o alluvioni. La dimensione del rischio è ovunque preoccupante, con una superficie delle aree ad alta criticità geologica che si estende per 29.517 chilometri quadrati pari al 9,8 per cento del territorio nazionale con il risultato che in Italia quindi, oltre 5 milioni di cittadini si trovano ogni giorno in zone esposte al pericolo di frane e alluvioni. A questa situazione - denuncia la Coldiretti - non è certamente estraneo il fatto che un modello di sviluppo sbagliato ha tagliato del 15% le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni. 2,15 milioni di ettari di terra coltivata. Ogni giorno - conclude la Coldiretti - viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che vengono abbandonati o occupati dal cemento che non riesce a d assorbire la violenta caduta dell'acqua.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4