mercoledì 07 dicembre | 17:54
pubblicato il 30/nov/2013 12:00

Maltempo, Coldiretti: a rischio 100% comuni Calabria, Basilicata

Dopo allerta meteo per perturbazioni con piogge di forte intesità

Maltempo, Coldiretti: a rischio 100% comuni Calabria, Basilicata

Roma, 30 nov. (askanews) - Il maltempo si abbatte sulle regioni a maggior rischio idrogeologico come la Calabria e la Basilicata dove il 100% dei Comuni ha parte dei territori a rischio per frane ed alluvioni mentre la percentuale scende al 78% in Puglia e al 70% in Sicilia. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento all'allerta meteo emesso dal Dipartimento della Protezione civile per la perturbazione con precipitazioni di forte intensità che interessa anche Marche (99%), Toscana (98%) e Sardegna (81%) dove è ancora in corso la conta dei danni. La tropicalizzazione del clima con il ripetersi di eventi estremi - sottolinea la Coldiretti - ha fatto salire ad oltre il miliardo il conto dei danni e delle perdite provocata alle campagne nel 2013 . Siamo di fronte - precisa la Coldiretti - ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si sono manifestati quest'anno con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ma intense ed il repentino passaggio dal sereno al maltempo con vere e proprie bombe d'acqua che il terreno non riesce ad assorbire. Servono le opere infrastrutturali per la raccolta e la regimazione delle acque in una situazione in cui nell'82% dei comuni italiani sono presenti aree a rischio idrogeologico per frane e/o alluvioni. La dimensione del rischio è ovunque preoccupante, con una superficie delle aree ad alta criticità geologica che si estende per 29.517 chilometri quadrati pari al 9,8 per cento del territorio nazionale con il risultato che in Italia quindi, oltre 5 milioni di cittadini si trovano ogni giorno in zone esposte al pericolo di frane e alluvioni. A questa situazione - denuncia la Coldiretti - non è certamente estraneo il fatto che un modello di sviluppo sbagliato ha tagliato del 15% le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni. 2,15 milioni di ettari di terra coltivata. Ogni giorno - conclude la Coldiretti - viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che vengono abbandonati o occupati dal cemento che non riesce a d assorbire la violenta caduta dell'acqua.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni