giovedì 23 febbraio | 15:54
pubblicato il 11/feb/2014 12:29

Maltempo: Cia, nuova ondata non da' tregua all'agricoltura

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - Piove sul bagnato. Mentre nelle campagne colpite dai nubifragi dei giorni scorsi si fanno i primi bilanci dei danni subiti, arriva una nuova ondata di maltempo che rischia di mettere ancora una volta in ginocchio l'agricoltura e migliaia di piccole aziende. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, spiegando che solo nel Modenese si stimano circa 54 milioni di euro di perdite tra i danni alle produzioni, come i vitigni di Lambrusco Doc e le pere Igp, e quelli ai fabbricati rurali, ai macchinari e alle strutture di produzione.

Non solo: i recenti eventi alluvionali hanno flagellato la Toscana con un migliaio di aziende agricole coinvolte; il Lazio con oltre 1.500 ettari di terreno compromessi e piu' di 3 milioni di danni; il Veneto con il doppio delle perdite economiche e la zootecnia messa in crisi tra allagamenti di stalle, poderi e magazzini e l'annegamento di moltissimi capi di bestiame -spiega la Cia-. E milioni di danni sono ipotizzabili anche in Liguria, patria del florovivaismo, dove le serre sono finite sott'acqua perdendo gran parte della produzione del periodo, soprattutto margherite e piante aromatiche, e in Lombardia dove i terreni allagati sono diventati poltiglie di fango con rischi enormi per le coltivazioni cerealicole.

Ora torna l'allerta della Protezione Civile dal Veneto fino al Lazio e per il settore primario e' di nuovo ''allarme rosso'' -osserva la Cia-. I terreni gia' bagnati non riescono ad assorbire altra acqua e gli orticoli invernali in campo aperto, come spinaci e broccoli, ''soffocano'' e le radici ammuffiscono. In piu', l'abbassamento brusco delle temperature fa calare la resa produttiva degli animali da latte fino al 20 per cento e continuano a crescere i costi energetici, con un aggravio del 5-10 per cento della spesa per il riscaldamento di serre e stalle. Ecco perche' ora bisogna verificare subito le condizioni per avviare le procedure relative alla dichiarazione dello stato di calamita' nelle zone gia' colpite -avverte la Cia- ma allo stesso tempo agire presto sul problema del dissesto del territorio, visto che il rischio idrogeologico in Italia coinvolge il 10 per cento circa della superficie nazionale e riguarda 6.633 comuni. Vuol dire che oggi quasi un cittadino su dieci si trova in aree esposte al pericolo di alluvioni, frane e smottamenti. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech